a
mercoledì 17 lug 2019
HomeLe tavole della leggeLa cucina semplice e sostenibile del Tre Cristi Milano

La cucina semplice e sostenibile del Tre Cristi Milano

La cucina semplice e sostenibile del Tre Cristi Milano

Cambio di guardia per la guida del Tre Cristi a Milano. Da pochi mesi ha preso le redini del ristorante milanese, in zona Repubblica, lo stellato Franco Aliberti (nella foto).

di francesca corradi

La parola chiave del Tre Cristi Milano è sostenibilità, la bandiera da sempre, dietro ai fornelli e nella vita, di Aliberti. Lo chef (clicca qui per leggere l’articolo su Franco Aliberti) riesce infatti a portare in tavola anche le parti meno nobili dei prodotti, come gambi e bucce delle verdure, in diverse consistenze. Siamo di fronte a una cucina con carattere, sperimentale e di recupero.

Non solo gusto, anche l’occhio vuole la sua parte. L’interno del locale è molto curato ed elegante con pochi tavoli ben distanziati l’uno dall’altro.

 

E che dire della mise en place? Geniale. Il creativo Aliberti è anche scultore, ha infatti realizzato una sua linea di piatti di design in ceramica che ricreano i vegetali, come un gambo di broccoli a una foglia di verza.

I piatti dell’ex chef de La Presef sono un vero e proprio omaggio al capoluogo meneghino. Il menù degustazione “A Due Passi da Milano” segnala ad esempio per ciascuna pietanza gli ingredienti, o produttori (rigorosamente piccoli) e la loro distanza chilometrica dalla città.

Aliberti stupisce fin dalla prima portata. Il goloso antipasto di panettone salato accompagnato da salsa allo zabaione stuzzica il palato. Curioso e gustoso il risotto light Porta Nuova con trota affumicata così come il raviolo in brodo, con sfoglia leggera ottenuta dall’amido delle patate. Ciò che più mi ha colpito, nella sua semplicità, sono stati però gli spaghetti con conserva di pomodoro, un tripudio di gusto e memoria. In carta non mancano carne ma soprattutto le chiocciole, la “proteina” del futuro come ama definirla lo chef.

GARIBALDI Chef Franco Aliberti, Tre Cristi Milano.

 

In sala, la sommelier Monica Angeli, ex Pisacco, saprà consigliare il giusto abbinamento alcolico con le varie portate.

Con Aliberti (ex pasticcere di Bottura) il pasto al Tre Cristi Milano non può che finire in bellezza con un dessert d’autore come l’innovativa torta ai fondi di caffè senza farina. E prima dei saluti al tavolo giunge un piccolo modellino di tram che contiene una sorpresa al cioccolato: un dolce arrivederci.

Prezzi: a partire da 60 euro.

Tre Cristi Milano, Via Galileo Galilei, 5 Angolo Via Marco Polo Milano

Articolo estratto dal MAG 119 a pagina 114.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.