a
venerdì 30 ott 2020
HomeBeverageProsecco: le sue colline dichiarate patrimonio Unesco

Prosecco: le sue colline dichiarate patrimonio Unesco

Prosecco: le sue colline dichiarate patrimonio Unesco

Le colline del prosecco sono il 55esimo sito italiano patrimonio dell’umanità. L’Unesco lo ha annunciato con un tweet.

Le colline del prosecco di Conegliano e Valdobbiadene sono a tutti gli effetti il 55mo sito italiano iscritto nella lista del patrimonio mondiale dell’umanità dell’Unesco. La decisone del World Heritage Commettee è stata diffusa ieri durante la 43esima sessione in corso a Baku, in Azerbaigian, dal 30 giugno al 10 luglio sotto la presidenza di Abulfas Garayev, ministro della Cultura dell’Azerbaigian.

Con delibera unanime dei 21 Stati membri del comitato è stato riconosciuto il valore universale di un paesaggio culturale e agricolo unito a un’attività produttiva di eccellenza. Si tratta di un luogo che l’uomo ha saputo valorizzare ed esportare (leggi qui i dati commentati da foodcommunity.it).

Gli italiani brindano quindi all’attesa decisione che arriva dopo la candidatura, nel 2010, e la bocciatura dell’anno scorso, quando l’iscrizione saltò per due voti (Spagna e Norvegia) portando al rinvio.

Delle 464 milioni di bottiglie doc vendute nel 2018, prodotte su oltre 24mila ettari di vigneti tra Veneto e Friuli Venezia Giulia, circa 2 su 3 sono state vendute all’estero.  “La Gran Bretagna (come raccontato su foodcommunity.it) – fa notare Coldiretti – è di gran lunga il Paese che ne consuma di più”.

L’aumento record del 21% delle vendite nel 2019, conferma che il prosecco è il vino made in Italy maggiormente esportato, e questo titolo darà un ulteriore spinta all’economia delle bollicine del Belpaese.

 

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.