a
martedì 20 ott 2020
HomeFoodConfimprese – EY: ad agosto la ristorazione registra -21,3%

Confimprese – EY: ad agosto la ristorazione registra -21,3%

Confimprese – EY: ad agosto la ristorazione registra -21,3%

L’Osservatorio registra una leggera ripresa rispetto ai dati allarmanti di luglio e segna -11,9% ad agosto 2020 contro il 2019. Nell’ultimo trimestre (giugno, luglio, agosto) il calo è stato del 22,8%.

Secondo l’Osservatorio permanente Confimprese – EY, agosto fa segnare un netto recupero nell’abbigliamento e accessori. Segni di una parziale ripresa che non si vede, però, nella ristorazione, dove il mese di agosto segna -21,3%, migliorativo rispetto al -30% di giugno a luglio. L’ultimo trimestre si chiude a -27,2%. Il bilancio della ristorazione degli ultimi sei mesi è complessivamente di -54% e sull’anno di -40%.

Continua, inoltre, la grande difficoltà del canale travel dove il mese registra -52%, che porta il trimestre a -65% e gli ultimi 6 mesi a -77%. Il progressivo annuo chiude a -62%.

“Registriamo un primo mese con qualche segnale positivo o meglio di rallentamento della decrescita – spiega Mario Maiocchi, direttore Centro studi Confimprese –. Ma questi risultati derivano in gran parte dal posticipo dei saldi e quindi con mero shift temporale. Permane una profondissima crisi nel canale travel, che a questo punto richiede urgenti riflessioni a livello di filiera per il supporto degli operatori. Molti lavoratori sono ancora in smart working e questo, insieme al calo dei viaggi, determina la desertificazione di stazioni e aeroporti. È necessario intervenire sulla mobilità, altrimenti il comparto rischia il collasso».

“Come ci aspettavamo – dichiara Paolo Lobetti Bodoni, business consulting leader Italy EY – agosto ha registrato un miglioramento del trend sia pure in un contesto di lenta ripresa dopo il lockdown. La riduzione o rinuncia dei periodi delle vacanze hanno guidato le maggiori vendite nei centri commerciali e outlet spinti anche dai saldi. La scelta, invece, di molti di rimanere in Italia ha privilegiato i consumi nelle regioni a particolare vocazione turistica. Vista la riduzione del potere di spesa di molte famiglie ci aspettiamo una lenta ripresa nei prossimi mesi, in particolare novembre e dicembre saranno fondamentali per capire quanto il calo sarà strutturale”.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.