a
giovedì 21 feb 2019
HomeGli strumenti del ciboFipe: dal food delivery 350 milioni per la ristorazione italiana

Fipe: dal food delivery 350 milioni per la ristorazione italiana

Fipe: dal food delivery 350 milioni per la ristorazione italiana

Fatturato in aumento del 69% rispetto al 2017 e previsioni di ulteriore crescita nel 2019

L’online food delivery riveste un ruolo sempre più importante nella ristorazione. Dal “Rapporto Ristorazione 2018 – I nuovi stili alimentari degli italiani” di Fipe, presentato lunedì 29 gennaio, il servizio di cibo a casa registra un fatturato di 350 milioni di euro nel 2018, in aumento del 69% rispetto al 2017.

“Il Rapporto Fipe – spiega Matteo Sarzana, General Manager Deliveroo Italia – dimostra che la domanda di cibo on line risponde a esigenze diverse rispetto all’esperienza che il consumatore cerca e trova nei ristoranti: esigenze legate a necessità di chi deve o preferisce restare a casa. In ogni caso, l’elemento che unisce chi va al ristorante o chi preferisce ordinare da casa è la qualità del cibo che resta l’aspetto più importante nelle scelte dei consumatori”.

Lo studio ha stilato anche un identikit dei maggiori fruitori italiani del servizio: sono anzitutto giovani e senza differenze significative tra gli uomini e le donne. Per quanto riguarda le aree geografiche il fenomeno è al  momento radicato più al nord che al centro-sud, con la Lombardia che nel 2018 si è imposta come regione dove risiedono il maggior numero di consumatori. 

Tra gli aspetti più interessanti della ricerca Fipe emerge che i cibi preferiti da chi ordina a domicilio sono sani e salutari, provenienti dagli oltre 200 ristoranti sempre disponibili tra Roma e Milano, due delle 34 città dove il servizio è oggi presente, e dalla presenza nella piattaforma di 308 ristoranti che offrono piatti e menù vegetariani, 206 vegani e 135 senza glutine. Nello specifico il piatto più ordinato dell’anno appena trascorso si è rivelata la Poke Bowl, specialità hawaiana a base di riso e pesce crudo.  E il 2019 mostra già, almeno sotto il profilo dell’attenzione alla linea, alcuni aspetti di continuità con l’anno precedente, non senza qualche innovazione: veg meat, beyond burger, e una maggiore attenzione alla frutta, tra cui il cocco e il dragon fruit, sono sono infatti le abitudini emergenti per il nuovo anno. 

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.