a
lunedì 14 ott 2019
HomeBeverageFedervini: aumenta il valore di vini, spirits e aceti italiani all’estero

Federvini: aumenta il valore di vini, spirits e aceti italiani all’estero

Federvini: aumenta il valore di vini, spirits e aceti italiani all’estero

Salto di qualità per le bevande alcoliche italiane all’estero, le Dop trainano il nuovo trend caratterizzato dal valore e non più solo dai volumi. Secondo i dati diffusi da Federvini, riguardo al primo quadrimestre del 2018, l’export di vini, spirits e aceti italiani cresce in qualità più che in quantità, ne è un esempio il mercato vitivinicolo: Polonia, con +34% a valore e + 13% a volume, Giappone, con +6% a valore e +4% a volume, Cina, con +7,7% a valore e -1,9% a volume, Germania con +5,5% a valore e -8,8% a volume. Nel dettaglio si registra nei diversi mercati un’ottima performance di crescita a valore dei vini Dop con +17% negli USA, +10% in Canada, +3,65% in Cina mentre vivono una battuta d’arresto i vini frizzanti con un calo importante in Canada (-22%) e in Giappone (-18%).

 

 

La tendenza vale anche per le acquaviti e i liquori anche se con percentuali meno nette. Mentre negli Stati Uniti l’export a volume è cresciuto decisamente rispetto al valore (+50% rispetto ad un +30%), Paesi come Giappone, Cina e Germania hanno visto privilegiare decisamente la crescita a valore: il primo ha segnato una performance notevole sia a volume che a valore (+48% e +70%) mentre gli altri due a fronte di un evidente calo dei volumi hanno tenuto in termine di valore (-27% a volume per la Cina contro +1,75 a valore; -18,11% a volume per la Germania contro un -1,4 a valore). Caso a parte il Regno Unito dove le conseguenze della Brexit si sono fatte sentire registrando percentuali con il segno meno sia per quanto riguarda il volume (-22,7%) che per il valore (-7%).

 

Gli aceti si sono distinti per qualità nel mercato giapponese (+6% a valore contro un +2% a volume) e in quello tedesco (-2% a volume contro un +16% a valore).

 

 

 

“Si tratta di dati su cui vale la pena riflettere – ha commentato Sandro Boscaini, Presidente di Federvini – perché mostrano come il comparto stia ottenendo una decisa attenzione alla qualità delle proprie produzioni. È proprio questa la chiave per rimanere competitivi sul mercato, consolidando le posizioni raggiunte nelle nazioni mature e puntare con rinnovata fiducia nei paesi a maggiore crescita. Per questo è necessario agire facendo squadra e operando a livello di sistema per comunicare l’immagine di qualità del Paese e delle nostre produzioni; e per rafforzare un modello commerciale internazionale aperto e privo di barriere”.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.