a
domenica 18 apr 2021
HomeFood8 marzo, sempre più donne nella ristorazione

8 marzo, sempre più donne nella ristorazione

8 marzo, sempre più donne nella ristorazione

Secondo la Guida Michelin, la Lombardia mantiene il primato di Regione con il maggior numero di chef stellate alla guida(6 su 52). Un’impresa di ristorazione su tre è inoltre gestita da donne.

 

Il settore della ristorazione si tinge di rosa, soprattutto a livelli più alti. Secondo la Guida Michelin le chef stellate nel mondo sono però ancora troppo poche, circa il 4% su oltre 3.300 ristoranti in 28 nazioni. Ma, se in Francia su 621 stellati le donne sono appena 16, l’Italia ha la più alta percentuale femminile: 45 su 367, oltre il 7%.

 

Cinque le chef tristellate in tutto il mondo in un elenco di oltre 130 ristoranti, due solo nel nostro Paese: Nadia Santini, la prima cuoca italiana premiata con tre stelle, nonché ‘Miglior Chef Donna nel mondo 2013’ e Annie Feolde, la prima in Italia a ricevere l’ambito premio già nel 1992.

 

Unica donna tra i trenta nuovi stellati, nella nuova edizione 2020, Karime Lopez, prima chef messicana in assoluto a vincere una stella. Il premio di Sala Michelin 2020 è stato inoltre assegnato a Sara Orlando del Ristorante Locanda di Orta, Orta San Giulio.

 

Per quanto riguarda il settore della ristorazione, il rapporto Fipe 2019 segnala una crescita del numero delle imprese rispetto all’anno precedente. Su 336 mila imprese circa una su tre è gestita da una figura femminile.

In aumento anche l’occupazione: nel settore della ristorazione lavorano 1,2 milioni di addetti di cui il 52% è donna.

 

Sono quindi ampi i margini di miglioramento per le donne che vogliono intraprendere questa carriera e numerose le iniziative per segnalarne i meriti. È dando spazio alle donne chef che Quandoo, la piattaforma di prenotazione ristoranti online, vuole celebrare l’universo femminile in occasione dell’imminente Giornata Internazionale della Donna dell’8 marzo.

 

“Anche se la scena gastronomica italiana è dominata dagli uomini, soprattutto in posizioni apicali, osserviamo con grande piacere come sempre più cuoche e ristoratrici si stiano affermando”, commenta Andrea Favarato, VP Southern and Western Europe di Quandoo.

 

Nella foto Martina Caruso, chef patron del Ristorante Signum di Salina, Stella Michelin e miglior chef donna 2019 per Guida Michelin (Credits Vannucchi).

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.