Si possono portare al cinema cibi e bevande da fuori?

*di alessandro klun

L’appena trascorso periodo festivo ha segnato il ritorno di molte persone al cinema. Tuttavia, tra rincari energetici e fenomeni inflattivi un pomeriggio in sala, specie per le famiglie, comporta un esborso non proprio indifferente, tra prezzo del biglietto ed eventuali consumi collaterali.

Sorge quindi un quesito: si possono portare al cinema cibi e alimenti acquistati altrove?
Preliminarmente occorre verificare se la sala cinematografica si è dotata di un proprio regolamento che vieta di consumare nel locale durante la proiezione, per ragioni di decoro e pulizia, o di portare cibo acquistato fuori.

Nella sola prima ipotesi non è consentito tout court mangiare o bere in sala, purché il regolamento sia reso visibile o disponibile agli utenti al momento dell’acquisto del biglietto.
Tuttavia, posto che è interesse degli stessi titolari di sale cinematografiche proporre cibi e bevande agli spettatori, rimane aperto il tema della legittimità di un cartello che recita testualmente Vietato introdurre in sala cibo e alimenti acquistati all’esterno».

Ora nessuna norma di legge, neppure in materia d’igiene alimentare e sanitaria, vieta di acquistare all’esterno del cinema cibi o bevande per essere consumati in sala – se così fosse non potrebbero essere venduti neanche i prodotti proposti dalla proprietà del cinematografo – risultando altrimenti violati diritti e libertà individuali di rango costituzionale. Pertanto, anche eventuali controlli posti in essere dalla proprietà diretti a inibire l’ingresso in sala a clienti che hanno acquistato alimenti all’esterno, sono da ritenersi illeciti.

In definitiva tanto un eventuale cartello come quello precedentemente descritto quanto un eventuale controllo personale diretti entrambi a proibire l’accesso a persone con alimenti acquistati altrove sarebbero illegittimi.

*a cena con diritto

Si possono portare al cinema cibi e bevande da fuori?

Letizia Ceriani

Foodcommunity.it
 
è il sito del Gruppo dedicato al business del settore food & beverage nato nel 2016. Il portale ha l’obiettivo di raccontare, attraverso notizie e approfondimenti, lo scenario economico e i protagonisti del mondo enogastronomico in Italia e all’estero.
Grande attenzione è rivolta agli chef stellati e alle aperture di nuovi ristoranti, così come alle mosse delle aziende del food, dalle multinazionali ai piccoli produttori.
Il mondo del cibo raccontato con un approccio economico e il faro puntato sui personaggi più rilevanti del settore (Chef, ristorazione alta gamma, piccoli produttori di eccellenza).
 
Inoltre, ogni due settimane, Foodcommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Foodcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group S.p.A.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC Publishing Group S.p.A. – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 50.000,00 i.v.

Copyright 2023 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE