a
mercoledì 21 ago 2019
HomeGli strumenti del cibopOsti traccia in blockchain il formaggio della Val Rendena

pOsti traccia in blockchain il formaggio della Val Rendena

pOsti traccia in blockchain il formaggio della Val Rendena

Tecnologia, tradizione e sostenibilità si incontrano ad alta quota con un progetto della startup pOsti per la valorizzare e tutelare i formaggi di malga.

Dalla collaborazione tra pOsti e APT, Azienda per il Turismo Spa Madonna di Campiglio Pinzolo Val Rendena è stato inaugurato un progetto di promozione turistica del territorio e delle sue eccellenze con l’ausilio della tecnologia e con il supporto di una digital experience dedicata al consumatore.

Abbiamo raccontato la startup pOsti sul MAG 118.

Attraverso un qr code apposto sulle forme di formaggio e sui taglieri (qr code edibile), gli ospiti – inquadrandolo da smartphone – si sono collegati alla landing page dedicata al progetto e, durante la giornata di presentazione del progetto, sono stati coinvolti in una narrazione, dalla storia del formaggio che stavano assaporando fino a risalire alla vera protagonista: la mucca di razza di Rendena.

Le informazioni della filiera sono state rilevate dagli allevatori o dalla stazione di monitoraggio installata in malga Bandalors: informazioni statiche, dinamiche e variabili, tracciate da pOsti sulla piattaforma blockchain bitcoin, garantite e e rese immediatamente fruibili e consultabili al consumatore. I dati immessi e codificati sono certi, inalterabili e condivisibili: tutti gli attori dell’ecosistema pOsti – farmer, produttori, distributori, ristoratori e consumatori finali – diventano copromotori di un consumo di qualità, a tutela del made in Italy.

“Mangiare bello, genuino, responsabile, sicuro e sano è diventato un diritto primario – commenta Virgilio Maretto (nella foto), co-founder & ceo di pOsti -. Con il binomio food-tech si costruisce fiducia, si garantisce trasparenza, si investe in autenticità, e anche la promozione del territorio coinvolto ne riceve un forte impatto in termini di valorizzazione del turismo e dell’ economia locale”.

Partner del progetto, xFarm, che ha supportato gli allevatori con l’agricoltura di precisione.

 

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.