a
venerdì 03 lug 2020
HomeGli strumenti del ciboPoke House, chiuso round di finanziamento di oltre 5 milioni

Poke House, chiuso round di finanziamento di oltre 5 milioni

Poke House, chiuso round di finanziamento di oltre 5 milioni

Grazie alla nuova iniezione di capitale Poke House cresce e guarda all’Europa. Mip acquisisce una quota del 25% del format.

Poke House ha chiuso un round di finanziamento, di oltre 5 milioni di euro, guidato dal fondo di venture capital Milano Investment Partners.

Il brand ha all’attivo otto insegne e nei prossimi dieci giorni sono previste tre nuove aperture. Il format impiega, inoltre, un team di oltre cento persone e registra un fatturato di circa un milione di euro al mese.

La catena di ristorazione ha intenzione di andare all’estero e approcciare nuove food destination, come shopping mall e travel retail, e tendenze del settore, come dark kitchen e virtual brand.

“Poke House non è un ristorante nel senso più tradizionale del termine ma una vera e propria food company. Siamo un modello ibrido, tra retail e digitale” – commenta Matteo Pichi (nella foto), co-founder e CEO di Poke House.

“L’impennata di ordini del food delivery ci dà speranze e forza per progettare il nostro futuro” – commenta Vittoria Zanetti (nella foto), co-founder di Poke House.

“Abbiamo individuato le caratteristiche che cerchiamo nelle società sulle quali investire: obiettivi strategici di evoluzione sui mercati internazionali con un brand molto forte che ha superato la fase early stage. Un team giovane, forte e molto ambizioso che merita supporto e accompagnamento nel processo di espansione globale. Il COVID-19 non ci ha spaventato perché ha dimostrato la resilienza del team di Poke House”- commenta Paolo Gualdani, partner di MIP che ha effettuato i più importanti investimenti nel settore del food retail come Miscusi e Princi-Starbucks.

“I proventi del round verranno utilizzati per rinforzare il nostro team attraverso l’ingresso di profili esperti già individuati. Sono tutte figure con cui condividiamo l’amore per il food e l’ospitalità, oltre che per sviluppare soluzioni tecnologiche” – conclude Matteo Pichi.

 

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.