a
lunedì 21 gen 2019
HomeLe tavole della leggeQuel rifugio di campagna del maestro Marchesi

Quel rifugio di campagna del maestro Marchesi

Quel rifugio di campagna del maestro Marchesi

di francesca corradi

Da 40 anni La Rampina è il posto del cuore di tanti lombardi che amano il fuori porta (ci veniva anche Gualtiero Marchesi), accolti dal glicine secolare che ne incornicia la facciata e avvolti dal fascino della storia. È il più antico ristorante della provincia di Milano, con radici cinquecentesche, e si trova in una corte sulla via Emilia, a pochi chilometri dal capoluogo meneghino.

Qui si gode di un’atmosfera intima e famigliare in cui rifugiarsi per godere di un ottimo pasto sotto il pergolato estivo o davanti al caminetto nel periodo invernale.

In cucina ci sono padre e figlio – Lino e Luca Gagliardi– che offrono, con mano sicura e ottimo equilibrio, un viaggio gourmet nell’evoluzione della più autentica cucina italiana: l’omaggio alla tradizione del veterano Lino si sposa perfettamente con la vena creativa e ricercata, dai tratti internazionali, del giovane Luca con alle spalle un’esperienza pluriennale dallo chef tristellato Westermann a Le Buerehiesel di Strasburgo.

Denominatori comuni di questa doppia anima gastronomica sono la ricerca accurata delle materie prime più genuine e di qualità, rigorosamente stagionali e spesso a chilometro zero – come le anatre ruspanti consegnate direttamente dall’allevatore in bicicletta – o le verdure dell’orto.

La cantina è nelle mani del sommelier Lorenzo Gagliardi, fratello di Luca, anch’essa di impianto cinquecentesco, dove sono accudite oltre 800 etichette.

Cosa si mangia? In carta non mancano mai: Bollito, Ossobuco con risotto e Costoletta di vitello alla milanese, i piatti che il Signor Gagliardi porta in tavola dagli anni Settanta.

Tra le principali ricette di stagione ci sono: Ricciola scottata con purea di pere, zenzero, menta e bottarga di muggine, Risotto al merluzzo aroma di cardamomo e infuso alla rosa canina, una tenerissima anatra disossata ai fichi freschi, d’estate proposta con le ciliegie, e un gustoso filetto di manzo alla Rossini, foie gras e tartufo nero.

Nel menu non mancano le terrine (patè), che affondano le origini ai tempi dei Romani e sono il piatto forte delle brasserie francesi, a base di lepre o fegatini misti.

Dal lunedì al venerdì, il ristorante prevede il business lunch con: piatto unico, acqua, calice di vino e caffè a 25 euro.

La Rampina è anche l’indirizzo bucolico scelto per trascorrere le ricorrenze natalizie, e come ogni anno propone un menu delle feste per il pranzo del 25 dicembre a base di cappelletti, cappone e agnello.

***

Pranzo a partire da 25 euro e Cena a partire da 45 euro.

Ristorante Antica Osteria La Rampina
Via Emilia frazione Rampina, 3
angolo via Rocca Brivio – direzione Melegnano
20098 San Giuliano Milanese (MI)

www.rampina.it

Questo articolo è tratto dalla rubrica Le tavole della legge presente sulla rivista MAG. Scarica qui l’ultimo numero. 

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.