L’horeca ingrana e il vino resta a invecchiare

All’attesa riapertura di ristoranti, trattorie, osterie, agriturismi, cantine e bar non corrisponde un’altrettanta ripresa del mercato del vino.

Se alcuni esercizi hanno, infatti, rialzato la saracinesca lunedì 18 maggio non è così per le aziende vitivinicole che in queste settimane di lockdown, di fatto, non hanno mai chiuso ma nemmeno incassato. Sulla base della previsione dell’OivOrganizzazione mondiale della vite e del vino  le misure adottate per arginare la pandemia di Covid-19 avrebbero tagliato del 50% del valore delle vendite di vino in Europa.

L’horeca, canale elettivo e naturale di vendita del vino italiano, che al consumo vale almeno 6 miliardi di euro l’anno a regime, non sembra sia ancora pronto a spendere in bottiglie. Si attendono, quindi, settimane ancora in salita per il comparto. Le 523 denominazioni di vino made in Italy rimarranno in standby in attesa di momenti migliori. Secondo la maggior parte degli imprenditori la lenta ripresa inizierà quest’estate. Se infatti i ristoratori si sono precipitati a cambiare menù – uno per il delivery, uno per il take away, uno per la riapertura –  le carte dei vini sono rimaste lì, intatte, come se il tempo non le avesse sfiorate.

E prima di vedere nuove etichette ne passerà di tempo. I sommelier scommettono infatti che, nella fase 2, si assisterà allo scarico della cantina, altro che riassortimento.

 

Questo lockdown però, molto probabilmente, oltre al cibo porterà a una nuova consapevolezza anche in fatto di bere. Che sia l’occasione per il ristoratore di osare offrendo etichette meno blasonate e anche più economiche? Qualche cosa si sta già muovendo e ne è un esempio il progetto Abere di cui parlo nel MAG 142.

Sarà un anno duro per il settore ma sono fiduciosa. Il vino italiano si è rialzato anche dallo scandalo del metanolo nel 1986, perché non dovrebbe farlo adesso?

L’horeca ingrana e il vino resta a invecchiare

Leave a Reply

Foodcommunity.it
 
è il sito del Gruppo dedicato al business del settore food & beverage nato nel 2016. Il portale ha l’obiettivo di raccontare, attraverso notizie e approfondimenti, lo scenario economico e i protagonisti del mondo enogastronomico in Italia e all’estero.
Grande attenzione è rivolta agli chef stellati e alle aperture di nuovi ristoranti, così come alle mosse delle aziende del food, dalle multinazionali ai piccoli produttori.
Il mondo del cibo raccontato con un approccio economico e il faro puntato sui personaggi più rilevanti del settore (Chef, ristorazione alta gamma, piccoli produttori di eccellenza).
 
Inoltre, ogni due settimane, Foodcommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Foodcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group S.p.A.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC Publishing Group S.p.A. – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 50.000,00 i.v.

Copyright 2022 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE