a
lunedì 14 ott 2019
HomeLe professioni del ciboElementi: Pietro Giordano è il miglior pizzaiolo professionista d’Italia

Elementi: Pietro Giordano è il miglior pizzaiolo professionista d’Italia

Elementi: Pietro Giordano è il miglior pizzaiolo professionista d’Italia

La vittoria di Pietro Giordano, il volto della pizzeria Papilla Milano, chiude la due giorni milanese ‘Elementi – I volti della pizza’ con oltre 3mila visitatori.

 

Pietro Giordano (nella foto), 42 anni, originario di Napoli, si è aggiudicato il titolo di miglior pizzaiolo professionista d’Italia alla quarta edizione del contest ideato da Molino Vigevano. Insieme a Giordano, nella competizione, c’erano altri 11 pizzaioli professionisti provenienti da tutta Italia. Anche quest’anno i concorrenti sono stati chiamati a sfidarsi in una prima sessione composta da due prove uguali per tutti: riconoscere l’impasto (forza della farina, percentuale di idratazione, ore di lievitazione, impasto diretto o indiretto) e blind tasting (assaggio dell’impasto cotto alla cieca, per individuare la farina utilizzata, seguito da degustazione di tre differenti tipologie di pomodori e latticini).

Da queste due prove sono stati selezionati gli otto finalisti, che si sono affrontati in una ultima sessione decisiva: la prova creativa di farcitura e cottura, eseguita utilizzando gli ingredienti appositamente scelti dallo chef Eugenio Boer (Ristorante Bu:r), tra i giurati della competizione. In giuria tecnica c’era anche Paolo De Simone della Pizzeria Da Zero; Margo Shatcher, giornalista di Food Genius Academy, Vanity Fair e Italia a tavola e Chiara Patrizia De Francisci, giornalista di Agrodolce.

A Giordano andrà in premio una fornitura di farine Molino Vigevano, di prodotti Finagricola e una consulenza gratuita del valore complessivo di 1.250 euro. Sul podio, rispettivamente al secondo e terzo posto, anche Stefano Rossi (Pizzeria Le Aie di Ovada – Alessandria), finalista con il suo impasto multicereali più aneto, burro, ananas, mortadella e noci, e Leonard Lala (Ristorante Pizzeria da Leo, Verona), che ha gareggiato presentando anche lui ai giurati un impasto multicereali più aneto, gorgonzola, noci e ananas.

I

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.