a
martedì 27 ott 2020
HomeFoodCovid-19, un’impresa su due aperta per garantire cibo

Covid-19, un’impresa su due aperta per garantire cibo

Covid-19, un’impresa su due aperta per garantire cibo

Tra le aziende che non hanno chiuso i battenti in Italia, circa il 50% lavora per garantire le forniture di cibo alla popolazione. Le realtà sono oltre un milione divise tra: 740mila aziende agricole; 70mila industrie alimentari e 230mila punti vendita.

Questo, in sintesi, è quanto emerge da una analisi della Coldiretti sugli effetti dei Dpcm dell’11 e del 22 marzo sulle base dei dati Istat. Complessivamente non sono state sospese le attività di poco meno di 2,3 milioni di unità produttive.

La filiera alimentare continua a operare con 3,6 milioni di persone. Il valore dai campi agli scaffali – sottolinea la Coldiretti – è di 538 miliardi di euro, il 25% del Pil.

Un sistema che poggia sull’agricoltura nazionale che si classifica al primo posto, a livello comunitario, per numero di imprese e valore aggiunto.

“L’Italia – riferisce la Coldiretti – è il primo produttore Ue di riso, grano duro e vino e di molte verdure e ortaggi tipici della dieta mediterranea. Anche per quanto riguarda la frutta l’Italia primeggia in molte produzioni importanti: dalle mele alle pere fino alle ciliegie e alle uve da tavola”.

“L’emergenza Coronavirus che ha ridotto gli scambi commerciali sta facendo emergere la consapevolezza sul valore strategico rappresentato dal cibo e dalle necessarie garanzie di qualità e sicurezza” afferma il Presidente della Coldiretti Ettore Prandini. “L’Italia, che è il Paese con più controlli e maggiore sostenibilità, ne potrà trarre certamente beneficio ma occorre invertire la tendenza del passato a sottovalutare il potenziale agricolo nazionale”, conclude Prandini.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.