a
martedì 20 ott 2020
HomeGli strumenti del ciboUn certificato per le competenze manageriali degli executive chef

Un certificato per le competenze manageriali degli executive chef

Un certificato per le competenze manageriali degli executive chef

L’idea emerge dalla concreta esigenza di vedere riconosciute le competenze gestionali e finanziarie degli executive chef, fondamentali per il coordinamento di una o più cucine.

Riconoscere le specificità della professione dell’executive chef e creare una rete a supporto degli imprenditori che operano nell’ambito della ristorazione. Questi, in sintesi, sono gli obiettivi di Roberto Dal Seno, executive chef del San Clemente Palace Kempinski di Venezia e formatore, e Roberto Carcangiu (nella foto), direttore didattico di Congusto Gourmet Institute e Presidente APCI, ideatori del progetto Executive Chef ad Honorem certificato – CEC.

La certificazione, la prima in Italia, viene rilasciata a seguito di specifiche prove sul campo, testate e valutate da una commissione di esperti del settore. L’ispirazione viene dalla Francia, dove il MOF conferisce a giovani professionisti un riconoscimento “honoris causa”. L’obiettivo dell’esame è quello di verificare che il candidato soddisfi una serie di requisiti. Si va dalle competenze gestionali e finanziarie alle norme igienico sanitarie, dagli argomenti afferenti le risorse umane alla creazione di menu e ricette.

Peculiarità, queste, che rendono questa figura del tutto differente dagli altri profili che operano nella ristorazione e di fondamentale importanza per il supporto a una sana operazione di business.

Il progetto è senza scopo di lucro e risponde alla volontà di dare valore a questa figura professionale. Per la sua completa istituzionalizzazione, richiede il supporto dello Stato, con particolare riferimento al Ministero del Lavoro e a quello dell’Istruzione, attraverso l’emanazione di bandi.

Altri attori istituzionali che verranno chiamati a sposare il progetto sono la Camera di Commercio e le federazioni di categoria quali FIC e Federalberghi. A questi si aggiungono, inoltre, Confindustria sezione Turismo, scuola alberghiera pubblica o privata, rappresentanza sindacale.

Lungi dall’essere una formalità, la certificazione vuole essere al contrario uno strumento di concreta utilità per tutti gli attori della ristorazione: gli executive chef, o aspiranti tali, gli imprenditori e i recruiter, si legge in una nota.

La sede geografica del progetto è Milano, con appoggio alla scuola professionale Congusto.

 

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.