a
mercoledì 05 ago 2020
HomeBeverageBrexit: senza accordo a rischio 3,4 miliardi di export

Brexit: senza accordo a rischio 3,4 miliardi di export

Brexit: senza accordo a rischio 3,4 miliardi di export

Vino e ortofrutta i settori più coinvolti. Campania, Veneto e Piemonte le regioni più a rischio. 

Il “no deal” potrebbe costare caro al made in Italy. Il Regno Unito rappresenta per il Bel Paese il quarto mercato di sbocco per le esportazioni agroalimentari complessive e il terzo all’interno dei confini comunitari.”Dal prosecco ai pomodori pelati, il mancato accordo sulla Brexit rischia di affossare 3,4 miliardi di export agroalimentare italiano in Gran Bretagna per effetto dei dazi e dei ritardi doganali che scatterebbero con il nuovo status di Paese Terzo rispetto all’Unione Europea”, afferma Coldiretti.

Circa un quarto del totale dei prodotti italiani venduti Oltremanica (24% per un fatturato superiore a 810 milioni di euro) è rappresentato dal vino. Con quasi una bottiglia esportata su due consumata dagli inglesi, è il Prosecco Dop il prodotto made in Italy che potrebbe essere più duramente colpito. Al vino seguono l’ortofrutta, pasta, formaggi, olio d’oliva. Anche pelati e salsa di pomodoro, con un 20% di esportazioni oltremanica  sul totale. subirebbero un duro contraccolpo.

Rilevante anche il flusso di Grana Padano e Parmigiano Reggiano per un valore attorno ai 90 milioni di euro.

“Un mancato accordo sulla Brexit avrebbe conseguenze preoccupanti sul settore agroalimentare tricolore”, osserva ancora l’Ufficio Studi Cia. A farne maggiormente le spese sarebbero infatti la Campania (che esporta nel paese anglosassone il 12,5% dei suoi prodotti), il Veneto e il Piemonte (dove tale incidenza vale rispettivamente l’11% e il 7,4%).

“L’intesa raggiunta tra Europa e Regno Unito, dopo oltre due anni di trattative, fornisce importanti garanzie ai settori economici e alla società civile – dichiara il presidente nazionale Cia – Agricoltori Italiani, Dino Scanavino -. Il venir meno di tale accordo creerebbe una situazione di incertezza per imprese e cittadini, che rischia di assumere una dimensione ancora più allarmante in una fase di grande difficoltà sul fronte del commercio internazionale e della crescita economica, sia europea che nazionale. Per questo, è necessario fare il possibile per risolvere le tensioni attuali e scongiurare il pericolo del no deal”.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.