a
giovedì 13 mag 2021
HomeGli strumenti del ciboSicurezza alimentare, a che punto siamo in Italia

Sicurezza alimentare, a che punto siamo in Italia

Sicurezza alimentare, a che punto siamo in Italia

di francesca corradi

Nel 2019, ogni minuto, 44 ​​persone – più di 23 milioni all’anno – si ammalavano per aver mangiato cibo contaminato e circa 4.700 all’anno morivano, secondo l’Oms.

Un dato preoccupante che però sta migliorando notevolmente grazie agli elevatissimi livelli raggiunti per la sicurezza degli alimenti. A rassicurarci è la relazione annuale sui residui di agrofarmaci in Europa pubblicata dall’ Efsa, l’Agenzia europea per la sicurezza alimentare. Notizia ancora più confortante è il fatto che il nostro Paese è risultato, ancora una volta, un’eccellenza in Ue in fatto di controlli. L’Italia ha, infatti, analizzato quasi il doppio dei campioni previsti dal programma come requisito minimo, ed è tra i Paesi che effettuano il maggior numero di controlli dei residui di agrofarmaci negli alimenti, mostrando le migliori performance. Di questi, infatti, il 97,6% è risultato sicuro e conforme ai limiti di legge.

Questo certifica l’importante lavoro portato avanti in questi anni dagli attori della filiera agrifood. Agli investimenti nella ricerca scientifica, sempre meno impattanti a livello ambientale, si aggiunge l’alta professionalità degli agricoltori e dei tecnici.

La sostenibilità in agricoltura non può però solo migliorare attraverso la semplice riduzione di input chimici, ma anche attraverso la promozione dell’innovazione e l’utilizzo combinato di tutte le tecnologie a disposizione, includendo anche quelle digitali, come sostiene Alberto Ancora, presidente di Federchimica-Agrofarma.

E a proposito di sicurezza alimentare, in questi giorni l’Università di Milano-Bicocca ha diffuso la notizia di un algoritmo che semplificherebbe i controlli.

Moderne tecniche di spettroscopia e machine learning consentirebbero, infatti, di riconoscere alimenti adulterati e garantire che sulle tavole dei consumatori arrivino cibi di qualità. Il team internazionale di ricercatori ha “testato” la metodologia su tre diverse tipologie di prodotti: lieviti, carne e olio. La tecnica messa a punto consentirebbe di ridurre dall’ordine delle migliaia a quello delle decine il numero di misurazioni: tutto ciò con evidenti vantaggi sia in ordine di tempo che di costo delle operazioni di controllo.

In materia di sicurezza alimentare è intervenuto recentemente anche il Governo Draghi.

Più precisamente ha ristabilito le regole in merito al decreto legislativo con cui si abrogava l’articolo 5 della legge 283 che in Italia disciplina l’igiene della produzione e della vendita di alimenti e bevande. Vendere o somministrare alimenti dannosi per la salute, come quelli in cattivo stato di conservazione, sarebbe stato depenalizzato e quindi ritenuto semplicemente un illecito amministrativo. Con l’abrogazione questi reati avrebbero potuto quindi risolversi con un minimo pagamento.

Il provvedimento “scandalo” è stato, fortunatamente, cancellato. L’intervento di Draghi ha messo una toppa su un “errore” che rischiava “di compromettere le politiche all’avanguardia del nostro Paese in tema di sicurezza alimentare e tutela – anche preventiva – della salute”, ha dichiarato il sottosegretario Mipaaf Gian Marco Centinaio, elogiando la risposta governativa “che difende la salute dei consumatori e la qualità del made in Italy agroalimentare”.

 

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.