a
venerdì 03 lug 2020
HomeFiere ed eventiRitornano le sagre, motore economico dei borghi italiani

Ritornano le sagre, motore economico dei borghi italiani

Ritornano le sagre, motore economico dei borghi italiani

Sagre, fiere e mercati di paese, anche per loro, in fase 3, è arrivato il via libera dal Governo.

Non solo dedicati a ricorrenze storiche o religiose i piccoli eventi locali mettono spesso al centro i prodotti tipici enogastronomici della tradizione. Si tratta di un momento conviviale alternativo che riguarda paesi meno battuti dal turismo di massa. Circa  il 92% delle produzioni tipiche nazionali, secondo un’indagine Coldiretti/Symbola, coinvolge piccoli borghi italiani, con meno di cinquemila abitanti.

È ormai noto che il cibo, negli ultimi anni, è diventato il vero valore aggiunto di gite e vacanze scelte da stranieri e anche da 8 italiani su 10.

Tutto questo anche grazie al primato dell’agricoltura più green d’Europa con 299 Dop e Igp e 5155 prodotti tradizionali regionali censiti lungo la Penisola. Il Paese, inoltre, gode del primo posto nel biologico – con oltre 60mila aziende agricole – e della sicurezza alimentare mondiale.

Il via libera ai piccoli eventi enogastronomici rappresenta, quindi, un passaggio cruciale. Si tratta di una mossa necessaria per cercare di ridare impulso al turismo dopo i risultati poco incoraggianti del mese di giugno. Le presenze nazionali non riescono, infatti, a colmare il vuoto lasciato da americani, cinesi e giapponesi.

La riscossa di alcuni territori si vedrà, a partire da quest’estate, nei piccoli eventi enogastronomici. Dalla festa de la saresa – dedicata alla ciliegia di Ceresara, in provincia di Mantova – a quella delle alici di Coreca – ad Amantea nel cosentino – fino alla sagra degli Umbrichelli di Monteleone d’Orvieto.

Nei prossimi mesi noi italiani possiamo ancora una volta fare la differenza. Partecipando a qualche sagra, ovviamente in sicurezza, avremo la possibilità sia di gustare – nel vero senso della parola –prodotti e piatti della nostra tradizione che di dare un contributo concreto al rilancio dell’economia anche turistica. Cosa stiamo aspettando?

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.