L’industria alimentare italiana vale 140 miliardi

In sei anni l’industria alimentare ha messo a segno un aumento del 25,2%, registrando nel 2018 un +2,8% rispetto al 2017. É il secondo settore manifatturiero in Italia, grazie anche alla ‘Dop economy’, e dà lavoro 385mila persone.

Sono oltre 56 mila le imprese dell’industria alimentare che complessivamente superano i 140 miliardi di euro, di cui quasi 35 grazie alle esportazioni. Questi sono, in sintesi, i dati che emergono dal rapporto stilato dalla Luiss Business School e presentato in occasione del primo convegno di Federalimentare “Industria alimentare: cuore del made in Italy”.

Quello dell’industria alimentare è un business in costante crescita che, in sei anni, ha registrato un +25,2% e una crescita del 2,8% rispetto al 2017. Con oltre 56mila imprese, si tratta del secondo settore manifatturiero in Italia, grazie anche alla  performance della “Dop economy”, dietro solo alla fabbricazione di prodotti in metallo, e terzo per valore aggiunto. E in Europa, l’industria alimentare italiana si inquadra come secondo player, dopo la Francia, per numero di imprese, terzo per numero di occupati (385mila nel 2018 i dipendenti, secondo le proiezioni di Federalimentare) e quinto per valore aggiunto generato.

Con 200 mila imprese, detiene quasi un terzo delle Indicazioni Geografiche nel mondo (822 denominazioni Dop, Igp e Stg su circa 3mila) per un valore di 15 miliardi alla produzione e di 8,8 miliardi all’export. Un patrimonio che vale il 18% del settore e il 20% delle esportazioni.

Sono dati – ha detto il presidente di Federalimentare, Ivano Vacondio – che mostrano un miracolo tutto italiano: quello del saper fare delle nostre aziende, dai top player alle pmi, che trasformano le materie prime italiane e straniere in un prodotto lavorato e richiesto in tutto il mondo”.

Lo studio conferma che il made in Italy è riconosciuto ovunque come un vero e proprio brand, sinonimo di qualità grazie a un insieme di fattori. Primo tra tutti il prodotto, risultato della trasformazione di ingredienti semplici ma di elevato livello, integrati attraverso un processo produttivo e un know how unico al mondo.

Una delle più grandi criticità del settore è la sua frammentarietà. Infatti la quasi totalità delle imprese,  il 98%, è rappresentata da realtà di piccole o micro e solo l’1% della totalità possiede più di 250 dipendenti.

L’industria alimentare italiana vale 140 miliardi

Leave a Reply

Foodcommunity.it
 
è il sito del Gruppo dedicato al business del settore food & beverage nato nel 2016. Il portale ha l’obiettivo di raccontare, attraverso notizie e approfondimenti, lo scenario economico e i protagonisti del mondo enogastronomico in Italia e all’estero.
Grande attenzione è rivolta agli chef stellati e alle aperture di nuovi ristoranti, così come alle mosse delle aziende del food, dalle multinazionali ai piccoli produttori.
Il mondo del cibo raccontato con un approccio economico e il faro puntato sui personaggi più rilevanti del settore (Chef, ristorazione alta gamma, piccoli produttori di eccellenza).
 
Inoltre, ogni due settimane, Foodcommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Foodcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group S.p.A.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC Publishing Group S.p.A. – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 50.000,00 i.v.

Copyright 2023 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE