a
domenica 07 giu 2020
HomeFoodProdotti per intolleranti, un business da 3,6 miliardi

Prodotti per intolleranti, un business da 3,6 miliardi

Prodotti per intolleranti, un business da 3,6 miliardi

Il paniere dei  prodotti “senza glutine” o “senza lattosio” ha raggiunto i 3,6 miliardi di euro di sell-out, sfiorando il +2% di crescita.

Ormai presenza abituale nel menù degli italiani, oltre il 13% dei prodotti alimentari venduti in supermercati e ipermercati è adatto anche a chi soffre di intolleranze alimentari.

I prodotti per intolleranti, negli anni, hanno continuato a guadagnare spazio sul budget alimentare delle famiglie ma, secondo la sesta edizione dell’Osservatorio Immagino Nielsen GS1 Italy , la crescita delle vendite sta rallentando.

I prodotti etichettati come “senza glutine” o “senza lattosio” , nell’anno finito a giugno 2019, hanno generato il 14,4% del giro d’affari di tutto il perimetro alimentare dell’Osservatorio Immagino (esclusi acqua e alcolici).

In valore, quello dei prodotti per intolleranti è un comparto da 3,6 miliardi di euro di vendite. Ha messo a segno una crescita del +1,9%.

Un trend positivo ma meno brillante rispetto a quello ottenuto nei 12 mesi precedenti, quando il sell-out era cresciuto di +3,2%. Da segnalare anche il rilevante calo dell’intensità promozionale, diminuita in un anno di due punti percentuali, e scesa così al 31,0%.

Il paniere più importante è quello dei prodotti con il claim “senza glutine”.  Arrivato a rappresentare l’11,8% dei prodotti rilevati dall’Osservatorio Immagino ha generato l’11,9% delle vendite canalizzate da supermercati e ipermercati. Nell’anno finito a giugno 2019, il gluten free è cresciuto di 0,8%, meno dei 12 mesi precedenti (+2,6%), a causa della minore spinta dell’offerta. Ma questo claim è aumentato sulle confezioni di carni bovine lavorate, ketchup, maionese, praline e cioccolato.

Invece il logo della spiga sbarrata, rilasciato dall’Associazione italiana celiachia, ha visto aumentare le vendite del 3,8% in un anno, arrivando al 2,7% dei prodotti rilevati e al 2,3% di quota sulle vendite complessive. Merito della crescita dell’offerta e delle performance di affettati, preparati per brodo in gelatina, prodotti bovini lavorati, panificati e piatti pronti surgelati.

Quanto all’universo dei prodotti “senza lattosio” nell’ultimo anno le vendite hanno continuato a crescere benché meno rispetto alla passato. Il sell-out è aumentato dell’1,9% contro il 4,6% dell’anno precedente. Il rallentamento della crescita è stato dettato soprattutto dalla minore crescita dell’offerta.

Complessivamente l’assenza di lattosio è stata individuata sul 2,7% degli oltre 68mila prodotti alimentari rilevati, per un’incidenza del 4,2%. Le categorie più dinamiche sono state latte fresco, yogurt funzionali, panificati e bevande vegetali.

 

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.