Dpcm, il governo dimentica la distribuzione automatica

Il settore non è stato incluso dal Governo nel DL Ristori. Confida chiede che siano previsti interventi a favore anche della distribuzione automatica.

 

Il comparto della distribuzione automatica è stato colpito duramente dallo smart working nonché dall’incremento della didattica a distanza fino al 75%: tutti luoghi dove il settore del vending concentra il business. La perdita di consumazioni stimata da Confida, Associazione Italiana Distribuzione Automatica, è superiore al 50% del fatturato delle imprese.

 

“Il Decreto Ristori – commenta Massimo Trapletti (nella foto), presidente di Confida – ha concesso contributi a fondo perduto per 2,4 miliardi a numerosi settori economici. Tuttavia non include la distribuzione automatica mettendo a rischio le quattro mila imprese che in Italia danno lavoro a oltre 30mila persone. I nuovi Dpcm ci hanno colpito – conclude Trapletti – e chiediamo al governo di includerci negli interventi a favore dei settori in difficoltà.”

 

Quello dei distributori automatici è un settore in cui l’Italia è tra le prime a livello europeo. In totale sono oltre 800mila in tutta la Penisola le vending machine, installate prevalentemente nell’industria (35%), negli uffici privati (15%), nel commercio (15%), nelle scuole e università (12%) negli uffici pubblici (6%) e nei trasporti (3%): tutti luoghi in cui l’affluenza è stata drasticamente ridotta per effetto dei due Dpcm.

A questo si aggiungono le ordinanze locali che colpiscono duramente con riduzioni di orario e talvolta chiusure i cosiddetti “negozi automatici H24”. Sono quegli esercizi commerciali che vendono cibi e bevande tramite distributori automatici e che, nonostante abbiano investito in sanificazioni e pulizie straordinarie, telecamere, tornelli meccanici che evitano gli assembramenti, sono oggetto di ordinanze restrittive.

Leggi l’articolo: Vending, Confida apre ai negozi automatici h24

 

Dpcm, il governo dimentica la distribuzione automatica

Leave a Reply

Foodcommunity.it
 
è il sito del Gruppo dedicato al business del settore food & beverage nato nel 2016. Il portale ha l’obiettivo di raccontare, attraverso notizie e approfondimenti, lo scenario economico e i protagonisti del mondo enogastronomico in Italia e all’estero.
Grande attenzione è rivolta agli chef stellati e alle aperture di nuovi ristoranti, così come alle mosse delle aziende del food, dalle multinazionali ai piccoli produttori.
Il mondo del cibo raccontato con un approccio economico e il faro puntato sui personaggi più rilevanti del settore (Chef, ristorazione alta gamma, piccoli produttori di eccellenza).
 
Inoltre, ogni due settimane, Foodcommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Foodcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC srl – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 10.000,00 i.v.

Copyright 2022 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE