a
lunedì 20 gen 2020
HomeFoodDaroma (Palombini) con Mandarin punta all’estero

Daroma (Palombini) con Mandarin punta all’estero

Daroma (Palombini) con Mandarin punta all’estero

Palombini, Nori, Camilloni, Van Doren, Mexico e Giovannini fra i brand del gruppo Daroma acquisito da Mandarin Capital Partners III. Il gruppo è oggi presente principalmente in Lazio, Emilia-Romagna e Sardegna.

Daroma caffè, progetto imprenditoriale iniziato cinque anni fa con l’obiettivo di creare la più importante torrefazione a servizio dei bar in Italia, punta a crescere con il supporto di Mandarin Capital Partners, che ha acquisito una quota di maggioranza del capitale. L’internazionalizzazione, che è nel dna del fondo, sarà uno dei pilastri di questa crescita.

Grazie a questa operazione Daroma esordisce sul mercato con ricavi consolidati di circa 60 milioni di euro e ambisce a nuove e future acquisizioni nel settore, impegnandosi a concentrare la torrefazione e il confezionamento del caffè nel sito di Castel Maggiore (BO) e la produzione di monoporzionato nel sito di Thiene (VI).

“Il resto dell’Italia sarà inserito in un progetto quinquennale” aggiunge Giulio Santin (nella foto) ceo di Daroma, spiegando la scelta di crescere tramite acquisizioni. “É il processo più naturale e che determina minori scossoni nel processo di crescita.

“L’azienda acquisita diventa parte integrata in un processo naturale dove i cedenti seguono e monitorano ogni fase garantendo continuità di prodotto e servizio ai clienti”, conclude Santin.

L’impegno del gruppo è, inoltre, quello di consolidare e incrementare, oltre ai settori di punta, il mercato estero, diffondendo i marchi su scala internazionale.

“Affiancheremo Daroma nella penetrazione dei mercati esteri, facendo leva sul crescente appeal del caffè italiano all’estero, e sulla presenza internazionale del nostro fondo in Germania, Asia e Stati Uniti” ha spiegato il partner di MCP Alberto Camaggi. “Il settore del caffè presenta molte delle caratteristiche apprezzate da Mandarin: la domanda stabile, non influenzata dai cicli economici, le notevoli potenzialità di crescita per chi è in grado di proporre modelli di business dinamici e innovativi e la forte tradizione del made in Italy, con il caffè espresso “all’italiana” sempre più apprezzato anche a livello globale, ci hanno spinto a scegliere questo settore e in particolare Daroma, gruppo in cui abbiamo trovato i brand e la qualità coerenti con il nostro progetto”.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.