Caso Gubbio: è diffamazione a danni dell’imprenditore?

*di alessandro klun

La notizia diffusa sul web, poi rivelatasi falsa, di un’intossicazione alimentare diffusa tra i clienti di un ristorante a Gubbio conseguente ad un pranzo a base di pesce crudo da loro stessi portato ha avuto rilevanza nazionale, al punto che lo stesso titolare dell’attività è intervenuto via social per smentire l’accaduto.

Nel caso di specie, potrebbero dirsi o meno integrati gli estremi di una diffamazione a danni dell’imprenditore della ristorazione conseguente alla lesione dell’immagine e della reputazione del proprio locale?

Preliminarmente, occorre verificare se nella diffusione del fatto siano stati riportati o meno elementi più o meno espliciti che consentivano di ricondurlo al locale e alla responsabilità del suo titolare, poiché soltanto in tal caso potrebbe configurarsi la diffamazione aggravata, in quanto avvenuta on line, con conseguente iniziativa giudiziale del soggetto leso, iniziativa che potrebbe coinvolgere anche gli organi di stampa.

Al contrario la diffamazione è da escludere tanto nell’ipotesi di assenza di indicazioni tali da riferire chiaramente l’accaduto al locale – ad esempio se si parla di ristorante della zona o ristorante di Gubbio – quanto nel caso  di elementi che soltanto per chi è o conosce la zona in cui si trova il locale consentono di riferirlo a quest’ultimo.

Pertanto soltanto nella prima ipotesi l’imprenditore danneggiato può dirsi legittimato a presentare formale denuncia-querela nei confronti di ignoti, non essendo sin qui individuati specifici responsabili, con conseguente compito dell’Autorità Giudiziaria di ravvisare o meno, nell’esposizione dei fatti, la sopra descritta fattispecie criminosa.

*a cena con diritto

Caso Gubbio: è diffamazione a danni dell’imprenditore?

Letizia Ceriani

Foodcommunity.it
 
è il sito del Gruppo dedicato al business del settore food & beverage nato nel 2016. Il portale ha l’obiettivo di raccontare, attraverso notizie e approfondimenti, lo scenario economico e i protagonisti del mondo enogastronomico in Italia e all’estero.
Grande attenzione è rivolta agli chef stellati e alle aperture di nuovi ristoranti, così come alle mosse delle aziende del food, dalle multinazionali ai piccoli produttori.
Il mondo del cibo raccontato con un approccio economico e il faro puntato sui personaggi più rilevanti del settore (Chef, ristorazione alta gamma, piccoli produttori di eccellenza).
 
Inoltre, ogni due settimane, Foodcommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Foodcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group S.p.A.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC Publishing Group S.p.A. – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 50.000,00 i.v.

Copyright 2022 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE