a
sabato 21 ott 2017
HomeLe cucineAimo e Nadia ieri, oggi e domani: l’unione fa la forza

Aimo e Nadia ieri, oggi e domani: l’unione fa la forza

Aimo e Nadia ieri, oggi e domani: l’unione fa la forza

Per spiegare come, dopo 55 anni, Il luogo di Aimo e Nadia sia ancora uno dei templi della cucina italiana nel mondo, bisogna andare in via Montecuccoli a Milano. Qui nel 1962, in pieno boom economico, i toscani Aimo Moroni e Nadia Giuntoli aprirono il ristorante che oggi è guidato dalla figlia Stefania e dai due chef Fabio Pisani e Alessandro Negrini, uno pugliese e l’altro lombardo, entrambi classe 1978.

È il luogo del «noi», degli insegnamenti di Aimo e Nadia (oggi felicemente in pensione) e del difficile passaggio generazionale che nella maggior parte dei casi porta a risultati negativi, mentre qui si è realizzato quello che Negrini non esita a definire «un miracolo di continuità».
Non solo per la riconquista delle 2 stelle Michelin, ma anche perché la nuova società, che dal 2012 vede in prima linea Stefania e i due chef, è riuscita a costruire basi solide per progettare un futuro ambizioso.

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE
«All’inizio è stato molto difficile», ammette Stefania, «ci sono stati duri scontri a causa della differenza di visione tra Aimo e i due giovani chef», che nel 2005 sono arrivati in questo ristorante familiare dopo esperienze internazionali e al Pescatore a Canneto sull’Oglio, dove si sono conosciuti.
Ma Stefania, fermamente convinta della forza del gruppo, ha investito sul concetto di team per costruire un futuro e un’alternativa per il locale.
«Sono le persone che fanno le aziende», sostiene, mentre Pisani e Negrini (che hanno stessi ruoli e compiti) sottolineano l’importanza di darsi obiettivi e di raggiungerli con pazienza, senza correre.
Così, dopo sei lunghi anni passati in cucina al fianco di Aimo e Nadia, assorbendo i loro insegnamenti giorno dopo giorno, i due chef sono riusciti a dare continuità e nuovo lustro al ristorante, che nel 2008 ha ripreso la seconda stella (momentaneamente persa a causa della malattia di Aimo) e successivamente è entrato nelle prestigiose associazioni Les grandes tables du monde e Relais & Chateaux.

IL NUOVO CORSO
Oggi Pisani e Negrini, alla pari di Stefania, sono gli imprenditori che guidano Il luogo di Aimo e Nadia, un ristorante da 2,5 milioni di fatturato (in crescita) e circa 30 dipendenti, con ben 82 fornitori coi quali hanno rapporti diretti. «Non è facile gestire tutto questo, ma conoscere il prodotto, il territorio e vivere la quotidianità a 360 gradi, dalla spesa alla cucina, permette di avere un’identità forte», spiegano gli chef.
Nelle parole dei tre riecheggiano le parole «cultura», «pazienza» e «squadra» che si riflettono nei loro sguardi carichi di passione e di motivazione per questo lavoro.

PER CONTINUARE LA LETTURA SCARICA GRATIS LA TUA COPIA DI MAG

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.