L’agroalimentare italiano vale quasi 540 miliardi di euro

Secondo lo studio The European House – Ambrosetti, ogni 100 euro di consumi alimentari, solo il 5,1% va agli operatori della filiera

La filiera agroalimentare estesa – agricoltura, industria, intermediazione, distribuzione e ristorazione – è il primo settore economico del Paese. Il food italiano ha registrato 538,2 miliardi di euro, un valore aggiunto di 119,1 miliardi di euro (4,3 volte le filiere estese automotive e arredo e 3,8 volte la filiera dell’abbigliamento estesa) e dà lavoro a 3,6 milioni di persone (pari al 18% del totale degli occupati in Italia), con 2,1 milioni di imprese. Questo, in sintesi, è quanto emerge dal rapporto “La creazione di valore lungo la filiera agroalimentare estesa in Italia” di The European House – Ambrosetti con Federdistribuzione, Ancc Coop, Ancd Conad e Adm.

“Ogni 100 euro di consumi alimentari degli italiani – ha detto Valerio De Molli, managing partner & ceo, The European House – Ambrosetti – il 32,8% remunera i fornitori di logistica, packaging e utenze, il 31,6% il personale della filiera, il 19,9% le casse dello Stato, l’8,3% i fornitori di macchinari e immobili, l’1,2% le banche, l’1,1% le importazioni nette e solo il 5,1% gli operatori di tutta la filiera agroalimentare estesa”.

“Questi 5,1 euro di  utile si ripartiscono  nelle   seguenti   proporzioni:   l’industria   di   trasformazione   alimentare ottiene  la  quota  maggiore,  pari  al  43,1%;  il  19,6%  va  all’intermediazione (grossisti e intermediari in ambito di agricoltura, industria e commercio); il  17,7% all’agricoltura; l’11,8% alla distribuzione e il 7,8% alla ristorazione”, conclude De Molli.

Secco il commento delle associazioni della grande distribuzione che reclamano più equilibrio nella distribuzione degli utili tra gli operatori della filiera che “è dominata dall’industria di trasformazione, con una quota in crescita significativa negli ultimi sei anni e un estremo livello di concentrazione, considerando che solo 57 grandi imprese industriali, in gran parte multinazionali, assorbono un utile complessivo superiore a quello dell’intera distribuzione”.

L’agroalimentare italiano vale quasi 540 miliardi di euro

Leave a Reply

Foodcommunity.it
 
è il sito del Gruppo dedicato al business del settore food & beverage nato nel 2016. Il portale ha l’obiettivo di raccontare, attraverso notizie e approfondimenti, lo scenario economico e i protagonisti del mondo enogastronomico in Italia e all’estero.
Grande attenzione è rivolta agli chef stellati e alle aperture di nuovi ristoranti, così come alle mosse delle aziende del food, dalle multinazionali ai piccoli produttori.
Il mondo del cibo raccontato con un approccio economico e il faro puntato sui personaggi più rilevanti del settore (Chef, ristorazione alta gamma, piccoli produttori di eccellenza).
 
Inoltre, ogni due settimane, Foodcommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Foodcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group S.p.A.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC Publishing Group S.p.A. – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 50.000,00 i.v.

Copyright 2023 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE