a
lunedì 24 feb 2020
HomeBeverageIl Verdicchio traina l’export del vino marchigiano

Il Verdicchio traina l’export del vino marchigiano

Il Verdicchio traina l’export del vino marchigiano

Effetto Verdicchio: secondo i dati regionali sul commercio estero diffusi dall’Istat, i primi nove mesi del 2018 si sono infatti chiusi con una crescita in valore del vigneto Marche nel mondo del 9%, quasi il triplo rispetto alla media nazionale (3,4%) con un controvalore di oltre 41 milioni di euro e una proiezione sui 12 mesi che supera i 56 milioni di euro.

La produzione del Verdicchio dei Castelli di Jesi e di Matelica supera i 20 milioni di bottiglie di cui circa la metà destinate all’estero, in particolare negli Usa, che vale il 22% dell’export, Nord Europa, Germania, Regno Unito e Cina. Il maxi-Consorzio Imt (Istituto marchigiano di tutela vini) rappresenta l’89% dell’imbottigliato dell’intera area di riferimento delle 15 Doc, che conta una superficie vitata di oltre 8mila ettari tra le province di Ancona, Macerata, Pesaro-Urbino e Fermo.

“La nostra azione promozionale, ma soprattutto il lavoro dei produttori in vigna e in cantina, cominciano a dare risultati più che soddisfacenti – ha detto il direttore dell’Istituto marchigiano di tutela vini Alberto Mazzoni -. Il dato è come al solito sottostimato perché parte delle merci prendono destinazioni estere da hub extraregionali, ma è significativo il salto di qualità nei trend di crescita in particolare nell’area di Ancona-Jesi. Detto questo – ha aggiunto Mazzoni – ritengo che i target commerciali siano ancora ben lontani se rapportati alla qualità di prodotto che esprimiamo e che ci viene riconosciuta ormai in tutto il mondo; sarà anche interessante capire come nei prossimi mesi ci giocheremo la partita del prezzo medio in un’annata ricca come quella attuale”.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.