a
martedì 03 ago 2021
HomeFoodSurgelati, le vendite superano i tre miliardi di euro

Surgelati, le vendite superano i tre miliardi di euro

Surgelati, le vendite superano i tre miliardi di euro

La tendenza, nata durante il lockdown, sembra destinata a perdurare nel tempo, con momenti di crescita ulteriore. La logistica va di pari passo.

Nel 2020 le vendite di surgelati hanno superato quota tre miliardi di euro. L’incremento è dell’11,6% a valore e dell’8,4% a volume rispetto al 2019 (fonte: Nielsen). Sono state 554mila le tonnellate acquistate.

Lo scenario pandemico ha certamente contribuito a questo sviluppo: da un effetto “scorte” alla sostituzione alle uscite al ristorante, con il consumo di surgelati e piatti pronti. La grande novità è che la crescita ha riguardato tutte le tipologie di prodotto (fa eccezione solo il pane). Si va da dai vegetali e l’ittico che da soli coprono oltre il 50% del sell-out e il 65% dei volumi  sino alla pasticceria o al gluten free.

E così la spesa degli italiani, accanto a bastoncini di pesce e sofficini, verdure al naturale e minestroni, tranci di pesce e patatine, si è arricchita di altri prodotti, come hamburger (+22,3%), dolci per la prima colazione (+25,7%), pasta e sfoglia per la pizza (+32,2%), pizzette (+17,5%), verdure panate o pastellate (+16,4%), focacce e tigelle (+19,2%), secondi piatti pronti (+16,9%) e primi piatti senza glutine (+70,9%).

La tendenza non si arresterà con l’uscita graduale dalla pandemia e sembra destinata a durare nel tempo.

Secondo una survey di Bonduelle, il 41% degli italiani in periodo di lockdown affermava di avere acquistato più surgelati, a dicembre 2020 la quota è salita al 66%. Il 70% dei consumatori italiani resterà dunque fedele ai surgelati anche nel futuro prossimo e il 13% ha dichiarato che è pronto a spendere addirittura di più.

A livello logistico e distributivo le soluzioni di “filiera completa” sembrano incontrare il favore del mercato, in termini di efficienza e ottimizzazione dei costi. Un esempio è dato da Gruppo M Italia, realtà di riferimento nel settore multiservice molto attiva in ambito logistico, che ha consolidato nel tempo la propria presenza nel settore del secco e del fresco. Da qualche mese, inoltre, ha aperto anche alla catena del freddo (-30 / -18° C), investendo in nuovi centri di stoccaggio.

“Abbiamo appena inaugurato un nuovo magazzino – spiega Alessio Pepe, direttore operativo Nord Ovest Gruppo M Italia – per far fronte alle crescenti richieste dei nostri clienti. Il settore horeca, in forte ripartenza, è un driver importante di sviluppo”. In questo ambito, quello della logistica del freddo, tecnologie ed organizzazione sono tutto. “Abbiamo investito molto sugli aspetti tecnologici – conclude Pepe – con un occhio di riguardo al risparmio energetico e all’efficienza degli impianti”.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.