a
martedì 12 nov 2019
HomeFoodPlasmon investe 10 milioni nello stabilimento di Latina

Plasmon investe 10 milioni nello stabilimento di Latina

Plasmon investe 10 milioni nello stabilimento di Latina

Sullo stabilimento Plasmon italiano, fondato nel 1969, sono stati investiti 64 milioni nel quadriennio 2014-2018. Nella strategia di rilancio c’è anche la produzione di  nuovi snack salati “Puff”, il cui debutto sul mercato è previsto nel 2020.

Dieci milioni di euro di investimenti in tre anni, questa è la somma che investirà Plasmon – Kraft Heinz, storico marchio di biscotti per l’infanzia, per rilanciare lo stabilimento produttivo.

Con l’85% delle materie prime di origine italiana e assoluta trasparenza sulla filiera e sull’origine di tutti i prodotti l’azienda si prepara a debuttare con “Puff”, snack per bambini nelle versioni carota e pomodoro e zucca e pomodoro che seguono il lancio sul mercato degli omogeneizzati ai legumi e gli Snack Crik (cracker salati con veggies) e saranno prodotti e confezionati in Italia.

Mille vasetti al minuto, un milione di vasetti al giorno, 200 milioni l’anno: questi i numeri dell’unico stabilimento italiano della multinazionale dove si producono gli omogeneizzati per bambini e 1,8 miliardi di biscotti l’anno. Latina è anche lo stabilimento dei brand Biaglut, Nipiol, Dieterba, Cuore di Natura e Aproten.

 

Il volume di produzione dell’impianto è di 32 mila tonnellate, di cui il 54,5% omogeneizzati, 33,1% biscotti, 11,7% asettici e 0,7% fette estruse.

 

“Vogliamo rafforzare il nostro impegno in qualità, sicurezza e tracciabilità, mettendo al centro dei nostri investimenti l’Italia e la sua filiera agroalimentare e lo faremo all’insegna della trasparenza”, afferma Felipe Della Negra, amministratore delegato di Kraft Heinz Italia. A Latina si producono anche l’Orlando Tomate Frito – salsa di pomodoro al momento venduta solo in Spagna – e la linea classica di biscotti per adulti, di cui lo scorso anno è stato avviato il rilancio e che – a detta di Della Negra, “sta andando molto bene”.

“La nostra stella polare è l’innovazione – racconta Pasquale Califano, direttore del sito produttivo di Latina – quattro anni fa sono state rinnovate alcune linee produttive, tra cui quella dei biscotti. Abbiamo ancora a disposizione 3,3 milioni per quest’anno e altrettanti per il prossimo anno”.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.