a
martedì 26 mar 2019
HomeLe tavole della leggeOrma Bruna: non solo olive all’ascolana, il Piceno a tavola

Orma Bruna: non solo olive all’ascolana, il Piceno a tavola

Orma Bruna: non solo olive all’ascolana, il Piceno a tavola

di francesca corradi

Da poco più di un mese ha aperto i battenti a Milano Orma Bruna. Un bistrot gourmet da 48 coperti, su due piani, in zona Solari.
L’obiettivo di Olga Riccitelli (marchigiana del Sud) e Rossana Cicchini (abruzzese), socie della nuova insegna di via Montevideo, è portare in tavola i sapori autentici delle loro regioni natie.

E lo fanno a partire dall’OlioMio (questo il nome) – monocultivar di tenera ascolana e blend di leccino, carboncella e frantoio – autoprodotto nelle Marche e offerto a inizio pasto.

Il menu è principalmente di terra e la specialità della casa sono i piatti a base di carne. Dal guanciale usato nell’amatriciana alle morbidissime costolette d’agnello, tutto proviene dall’azienda Riccitelli, macellai da sette generazioni. Immancabile tra le materie prime è il prezioso zafferano di Navelli.

Le olive all’ascolana, regine dell’antipasto, rappresentano a pieno il Piceno e sono davvero gustose: snocciolate rigorosamente a mano e a spirale (più uniche che rare) hanno il tradizionale ripieno di manzo, maiale, uova, parmigiano, noce moscata e scorza di limone.

Non sono da meno le tradizionali pallotte cacio e ova, che rischiano per di più di creare dipendenza. Tra i primi c’è il risotto giallo – non una sfida ma un omaggio al capoluogo meneghino – con zafferano aquilano e stinco di maiale. L’uovo di montagna cotto a bassa temperatura, con tartufo nero pregiato proveniente dalla tartufaia di Riccitelli (sulle colline di Venarotta) è invece il protagonista dei secondi. Interessante inoltre l’aggiunta di taralli sbriciolati. Non mancano le proposte vegetariane.

Orma Bruna – Milano

Immancabile è la crema fritta, da Orma Bruna servita con un sorbetto al gin tonic. In alternativa si può scegliere un fresco semifreddo al pistacchio con pere all’anisetta Meletti (celebre liquore ascolano) o un bicchierino di Varnelli.

Cosa si beve? Vino proveniente da vitigni autoctoni e cantine locali. Pecorino e Passerina (anche vinificata a spumante) dall’antipasto al dolce.

L’autore di tutti questi piatti è lo chef campano Achille Esposito, ex Boatta Milano.

La nuova insegna è anche bottega dove poter acquistare inoltre alcune prelibatezze marchigiane.

Aperto da pochi mesi, è forse troppo presto per dire se il locale avrà successo. Io ho mangiato bene e percepito inoltre l’amore delle proprietarie per il Centro Italia.

Unico neo: la scenografica carta da parati “orientaleggiante” che stona con il resto.

 

 

 

Orma Bruna – Milano, via Montevideo 4

http://www.ormabruna.com/

 

Prezzi:

Pranzo: a partire da 8 euro.

Cena: a partire da 35 euro.

 

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SUL NOSTRO MAG A PAGINA 104.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.