Dall’accordo tra il Consorzio per la Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop e il Consorzio per la Tutela della Pasta di Gragnano Igp nasce il polo a marchio Dop e Igp più grande del Centro-Sud Italia.

L’intesa sancise la collaborazione per l’esecuzione delle attività di vigilanza, tutela, promozione e valorizzazione delle rispettive Dop e Igp, e per creare, inoltre, sinergie in merito alle principali attività istituzionali di cui sono incaricati.

La Pasta di Gragnano Igp, con una produzione di 70mila tonnellate nel 2019 e un fatturato al consumo di circa 250 milioni di euro, sposa la Mozzarella di bufala Dop.

La specialità campana produce una ricaduta sul tessuto economico locale pari a oltre due euro per ogni euro di prodotto fatturato, pari all’1,4% sul Pil delle province di Caserta e Salerno. In tutto il 2019 sono state prodotte oltre 50mila tonnellate di mozzarella di bufala con un +1,6% e ricavi alla produzione intorno ai 400 milioni di euro.

 

 

 

All’estero entrambi i consorzi segnano quote significative di penetrazione (38% della produzione – dato 2019 – per Gragnano e 33% -ancora riferito al 2018 – per Mozzarella di Bufala) e tali mercati saranno sempre più oggetto di azioni di tutela congiunte estese anche al mercato interno e al web.

 

(Nella foto Spaghetti all’italiana della chef Rosanna Marziale)