a
domenica 15 set 2019
HomeFoodLa crescita sostenibile di Molino Rossetto

La crescita sostenibile di Molino Rossetto

La crescita sostenibile di Molino Rossetto

Una storia di famiglia, iniziata nel 1760 e giunta oggi alla settima generazione. È quella di Molino Rossetto, azienda di Pontelongo (Padova) specializzata nella produzione di farine e preparati innovativi e funzionali.
Premiata con il riconoscimento “Sostenibilità e attenzione alla salute” all’ultima edizione del Save the Brand organizzato da legalcommunity.it e foodcommunity.it, Molino Rossetto è un’impresa che «punta da sempre alla crescita non solo economica, ma anche etica, sostenibile, sociale e culturale», come racconta a MAG Chiara Rossetto (nella foto), amministratore delegato della società insieme al fratello Paolo.

SPINTA INNOVATIVA
«La nostra è una famiglia di mugnai che crede nel binomio tradizione-innovazione con l’obiettivo di dare valore alla farina ottenuta con grano di qualità 100% italiano», spiega Rossetto, la quale sottolinea il ricorso da parte dell’azienda alle energie rinnovabili, che riducono le emissioni di anidride carbonica, e l’utilizzo di packaging eco-sostenibili che rendono l’impresa veneta autosufficiente per tutto il processo di confezionamento.
Vengono infatti utilizzati imballi in carta FSC e PEFC, ovvero proveniente da foreste controllate e gestite in maniera eticamente ed ecologicamente sostenibile, secondo severi standard ambientali e normative internazionali.
La spinta decisiva dal punto di vista dell’innovazione è arrivata proprio da Chiara Rossetto, definita in azienda «la creativa delle farine», che si occupa in particolare delle aree commerciale e marketing e oggi è il punto di riferimento per il business retail.
È stata sua l’intuizione di uscire dalla semplice produzione di farina di tipo classico, «un prodotto a lungo vissuto come una semplice commodity», per lanciare sul mercato nuovi prodotti che propongono ricette, preparati per torte e pizze, kit di strumenti come formine e decorazioni accanto all’ampia gamma di farine.
Inoltre la strategia di marketing va incontro alle richieste dei consumatori e alle nuove tendenze di mercato con farine biologiche di farro e kamut, quelle speciali di riso, ceci, di quinoa e senza glutine.

CRESCITA E SOSTENIBILITÀ
Sotto la guida di Rossetto, il fatturato Gdo (supermercati, ipermercati e discount) è cresciuto costantemente negli anni fino ai 18 milioni di euro del 2016 (+15% rispetto al 2015) per un totale di 25 milioni di pezzi venduti (+18% sull’anno precedente). Sommando il dato Gdo a quello dell’industria, Molino Rossetto ha un giro d’affari di 76 milioni di euro. «Per il 2017 non è invece previsto un aumento del fatturato perché il mercato si è stabilizzato e stiamo consolidando la crescita degli ultimi anni».

PER CONTINUARE LA LETTURA SCARICA GRATIS LA TUA COPIA DI MAG

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.