a
mercoledì 19 giu 2019
HomeGli strumenti del ciboGranarolo premiata per il suo bilancio di sostenibilità

Granarolo premiata per il suo bilancio di sostenibilità

Granarolo premiata per il suo bilancio di sostenibilità

L’analisi del Centro Studi Consumerlab, promossa assieme a Codacons e Comitas, ha inserito Granarolo nel Future Respect Index 2018.

Il bilancio di sostenibilità Granarolo, definito chiaro ed efficace, è stato scelto dal Centro Studi Consumerlab e inserito nel riconoscimento Future Respect Index 2018.

L’analisi ha preso in considerazione 537 bilanci di sostenibilità e di queste sono state selezionate solo 40 aziende, tra cui l’azienda bolognese. Il gruppo della più grande filiera del latte in Italia è stato premiato per la sua gestione d’impresa rispettosa del futuro e sensibile al bene comune. L’azienda è inoltre considerata un esempio di trasparenza.

Meno acqua, meno antibiotici, meno emissioni, meno diserbanti, più diritti per chi lavora, più trasparenza sull’origine, meno plastica. Ma anche una remunerazione decorosa del lavoro dell’imprenditore agricolo. Il gruppo ha avviato un percorso che intende raggiungere nel 2018 in termini di sicurezza alimentare, miglioramento della nutrizione, promozione di un’agricoltura e di modelli di produzione sostenibili. Il gruppo ha inoltre individuato alcune tematiche “material” considerate rilevanti per un’azienda agroalimentare e per i propri stakeholder esterni. Queste sono collegate ai cinque (su 17) sustainable development goals (SDG), verso i quali si sono impegnati 193 paesi aderenti all’ONU. Sconfiggere la fame, salute e benessere, lavoro dignitoso e crescita economica, consumo e produzione responsabili, pace, giustizia e istituzioni solide, sono alcuni degli obiettivi.

“Il Gruppo –  dichiara Gianpiero Calzolari (nella foto), presidente di Granarolo – sta lavorando da anni a un modello di filiera sostenibile dove mondo agricolo e di trasformazione sono impegnati nei confronti delle nuove generazioni. Da  una parte c’è Granlatte con i suoi allevatori intenti a produrre nel rispetto del benessere animale e dell’ambiente. Dall’altra Granarolo, che deve e dovrà sempre più dare valore alle materie prime. Il premio ci fa piacere perché è un importante riconoscimento di questo impegno da parte di coloro ai quali ci rivolgiamo, i nostri consumatori”.

 

 

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.