a
martedì 25 giu 2019
HomeLe professioni del ciboGiovani in agricoltura: l’Italia è prima in Ue con oltre 56mila under35

Giovani in agricoltura: l’Italia è prima in Ue con oltre 56mila under35

Giovani in agricoltura: l’Italia è prima in Ue con oltre 56mila under35

Le aziende agricole dei giovani possiedono una superficie superiore di oltre il 54% alla media, un fatturato più elevato del 75% della media e il 50% di occupati per azienda in più.

L’Italia è prima in Europa per numero di giovani in agricoltura. Secondo l’analisi di Coldiretti, divulgata in occasione della diffusione dei dati Istat relativi al lavoro e alla disoccupazione ad aprile, gli under 35 nel settore sono 57.621,  in aumento del 4,1% rispetto al 2017,

L’agricoltura è tornata a essere un settore strategico per la ripresa economica e occupazionale con le campagne che “possono offrire prospettive di lavoro sia per chi vuole intraprendere con idee innovative che per chi vuole trovare un’occupazione anche temporanea per fare una esperienza a contatto con la natura”, precisa Coldiretti.

Si tratta di una presenza record per l’ultimo quinquennio che ha di fatto rivoluzionato il lavoro in campagna dove – sottolinea la Coldiretti – il 70% delle imprese giovani opera in attività che vanno dalla trasformazione aziendale dei prodotti alla vendita diretta, dalle fattorie didattiche agli agriasilo, ma anche alle attività ricreative, l’agricoltura sociale per l’inserimento di disabili, detenuti e tossicodipendenti, la sistemazione di parchi, giardini, strade, l’agribenessere e la cura del paesaggio o la produzione di energie rinnovabili.

Le ore lavorate in agricoltura nel primo trimestre del 2019 – riferisce la Coldiretti – sono aumentate del 5,6% rispetto all’anno precedente, più del doppio dell’industria (+2,6%) e oltre sei volte i servizi.

“Occorre sostenere il sogno imprenditoriale di una parte importante della nostra generazione che mai come adesso vuole investire il proprio futuro nelle campagne”, afferma la leader dei giovani della Coldiretti Veronica Barbati nel denunciare “gli ostacoli burocratici che troppo spesso si frappongono”.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.