Confida: “Servono 200 miliardi per salvare le imprese”

Trapeletti, presidente dell’associazione distribuzione automatica Confida lancia una proposta shock: “stop alle tasse di giugno per le imprese”.

La crisi innescata dall’epidemia di coronavirus sta mettendo in ginocchio il settore della distribuzione automatica, che in Italia dà lavoro a oltre 33 mila persone. Sebbene il comparto sia ancora attivo, il giro d’affari del vending si è ridotto dell’80% rispetto al mese scorso.

La preoccupazione del settore, espressa dall’associazione di categoria Confida, riguarda la liquidità delle imprese necessaria a non farle fallire in una situazione di brusca frenata dell’attività.

“É necessario un “intervento shock” per salvare le nostre imprese prima che sia troppo tardi –spiega il presidente di Confida Massimo Trapletti (nella foto) –. L’investimento potrebbe attestarsi attorno ai 200 miliardi di euro da coprore con l’emissione di titoli a 10-15 anni e con le entrate fiscali che tutte le imprese e le famiglie salvate pagheranno”.

Queste iniziative porterebbero beneficio immediato in particolare alle pmi.

“È però necessario che questi soldi arrivino direttamente ai soggetti economici e privati, come hanno fatto negli Stati Uniti e in particolare: alle imprese, attraverso l’abolizione delle tasse di giugno; alle famiglie posticipando i mutui, riducendo il cuneo fiscale e le tariffe di energia e gas e, infine, ai lavori pubblici, finanziando opere pubbliche”.

“Penso alle aziende che fatturano 5-10 milioni e tantissimi esercizi commerciali che fatturano fino a 1-2 milioni. Se queste realtà chiudono, tante famiglie resteranno senza un reddito e conseguentemente non consumeranno più. Insomma, l’intero Paese rischierebbe il default”, conclude Trapletti.

 

Confida: “Servono 200 miliardi per salvare le imprese”

Leave a Reply

Foodcommunity.it
 
è il sito del Gruppo dedicato al business del settore food & beverage nato nel 2016. Il portale ha l’obiettivo di raccontare, attraverso notizie e approfondimenti, lo scenario economico e i protagonisti del mondo enogastronomico in Italia e all’estero.
Grande attenzione è rivolta agli chef stellati e alle aperture di nuovi ristoranti, così come alle mosse delle aziende del food, dalle multinazionali ai piccoli produttori.
Il mondo del cibo raccontato con un approccio economico e il faro puntato sui personaggi più rilevanti del settore (Chef, ristorazione alta gamma, piccoli produttori di eccellenza).
 
Inoltre, ogni due settimane, Foodcommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Foodcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC srl – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 10.000,00 i.v.

Copyright 2022 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE