a
martedì 25 giu 2019
HomeFoodIl miele italiano è in crisi: un vaso su due è straniero, +18% l’import

Il miele italiano è in crisi: un vaso su due è straniero, +18% l’import

Il miele italiano è in crisi: un vaso su due è straniero, +18% l’import

Coldiretti: “Sugli scaffali dei negozi e supermercati italiani più di un vaso su due contiene in realtà miele dall’estero, proveniente soprattutto da Ungheria e Cina.
C’è sempre meno miele made in Italy e la produzione segna cali dal 70% al 90%. La conseguenza è l’aumento dell’importazione di prodotto dall’estero, che quest’anno ha raggiunto quota 27,8 milioni di chili, in crescita del 18% rispetto all’anno precedente.
Secondo un’analisi di Coldiretti su dati Istat, la metà del miele presente sugli scaffali dei supermercati italiani arriva dall’Ungheria, 11,3 milioni di chili, e dalla Cina, 2,5 milioni di chili.

Dopo molte annate negative, gli apicoltori lo scorso anno hanno potuto tirare un sospiro di sollievo: ” la produzione nazionale finale è stata infatti di 22 milioni di chili grazie soprattutto al Centro e al Nord Italia meno al Sud. In questi mesi però – continua la Coldiretti – da Nord a Sud del Paese la produzione di miele fa segnare cali fino al 90% a causa dell’andamento climatico siccitoso seguito da un meteo caratterizzato da vento, pioggia e sbalzi termici. Il poco miele che sono riuscite a produrre le api se lo mangiano per sopravvivere”.

“Per evitare di portare in tavola prodotti provenienti dall’estero, spesso di bassa qualità occorre verificare con attenzione l’origine in etichetta oppure rivolgersi direttamente ai produttori nelle aziende agricole, negli agriturismi o nei mercati di Campagna Amica – afferma il presidente della Coldiretti Ettore Prandini (nella foto).

Il miele nazionale è riconoscibile attraverso l’etichettatura di origine obbligatoria. “La parola Italia – spiega Prandini – deve essere obbligatoriamente presente sulle confezioni mentre nel caso in cui il miele provenga da più Paesi dell’Unione Europea, l’etichetta deve riportare l’indicazione “miscela di mieli originari della CE”; se invece proviene da Paesi extracomunitari deve esserci la scritta “miscela di mieli non originari della CE”, mentre se si tratta di un mix va scritto “miscela di mieli originari e non originari della CE””.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.