Cibo e ambiente. L’analisi di AlixPartners

Quanto impatta l’industria alimentare sull’inquinamento ambientale? Secondo una recente analisi di AlixPartners, società globale di consulenza, le scelte alimentari pesano per il 24% del totale delle emissioni pro-capite, percentuale che sale al 28% se si considera anche la deforestazione importata, superando addirittura l’impatto legato alla produzione di veicoli e altri mezzi di trasporto che si assesta al 25%.

Tra i generi alimentari che inquinano di più si collocano in vetta alla classifica quelli di origine animale. Fino a 59,6 kg di CO2 equivalenti per ogni chilo di carne bovina prodotta. Se si guarda all’Italia, l’85% delle emissioni nel settore alimentare riguarda i cibi di origine animale, come carne, latticini e uova.

Sulla base di questi dati, AlixPartners si è interrogata sulla consapevolezza dei consumatori italiani rispetto al legame cibo-inquinamento, e lo scorso mese di giugno ha realizzato un sondaggio su un campione rappresentativo per fasce di età. Oltre il 97% dei partecipanti ha manifestato la propria preoccupazione per la situazione ambientale e il 96% riconosce il peso delle proprie scelte individuali. Se il 56% punta il dito sulle proprie abitudini di trasporto, solo meno del 20% è consapevole che anche le scelte alimentari possano avere un impatto decisivo sull’inquinamento.

Ma che correlazione c’è tra le diverse diete alimentari e l’inquinamento ambientale? L’analisi condotta da AlixPartners ha calcolato il “delta di riduzione delle emissioni delle principali diete alternative” contro una dieta onnivora. Troviamo quindi il flexitariano – che riduce il consumo di carne – che può ridurre le emissioni alimentari fino al 31% rispetto all’onnivoro. Per il pescetariano – non mangio la carne ma mangio il pesce – la riduzione scende al 25%, mentre per il “vegetariano” – non mangio né pesce né carne – la riduzione sale a 36%, e raggiunge il 48% nel caso del “vegano” – non mangio alimenti di origine animale. 

Alla domanda “pensi di cambiare regime alimentare”, più della maggioranza (62%) dice di “no”. Tale contrarietà al cambio dieta diminuisce del 21% nel caso in cui vengano proposte loro “alternative vegetali” alla carne.

«Secondo la nostra analisi, una maggiore penetrazione degli alternative food in Italia – cioè la sostituzione di proteine di origine animale con alternative vegetali – potrebbe contribuire a una riduzione del 10% delle emissioni alimentari, equivalenti a circa 10 milioni di tonnellate equivalenti di CO2 – spiega Michele Carpanese, director di AlixPartners – Ad oggi, l’aumento del consumo di proteine di derivazione vegetale sembra essere maggiormente ostacolato dal costo, considerato eccessivo dal 52% dei partecipanti al sondaggio, e dal sapore, considerato non ancora all’altezza dal 56%».

Dai dati del sondaggio condotto da AlixPartners, sembra emergere che la propensione degli italiani a una riduzione del loro impatto ambientale alimentare sia ad oggi in contrasto con una propensione al risparmio e a un certo “conservatorismo gustativo”.

L’avanzamento tecnologico è però in atto, e l’utente medio è in attesa. Il sondaggio mostra infatti che, con un calo progressivo del costo legato alla produzione di proteine di origine vegetale – continuazione di un trend già emerso da qualche anno – e una mimica sempre maggiore di gusto e consistenza delle proteine animali, potrebbe portare la maggioranza degli italiani (sino a quattro quinti degli stessi), a diminuire in qualche misura il consumo di carne tradizionale. A tendere, l’impatto economico sulla filiera sarebbe forte, sino a una perdita stimata di fatturato di circa il 20% rispetto agli attuali livelli di vendite.

«L’effetto valanga potrebbe essere avviato dai giovani, più propensi al cambiamento e meno conservatori nel mangiare, i cui gusti devono ancora “formarsi” e “storicizzarsi”. E nel medio termine, non si può escludere un cambiamento simile a quanto avvenuto sul mercato internazionale, e anche italiano, del latte, dove oramai quasi l’80% degli italiani ha provato alternative vegetali, e coloro che le consumano abitualmente, o esclusivamente, hanno superato la soglia del 10%, come dimostrano recenti stime sul settore», evidenzia Michele Carpanese director di AlixPartners.

Il potenziale per le proteine di derivazione vegetale non è passato inosservato neanche agli investitori, che nel 2021 hanno investito più di 4 miliardi di euro in questo settore, generando forti cambiamenti nella value chain dell’intera industry.

«Le proteine di origine animale rimarranno ancora maggioritarie probabilmente per molti anni ancora, ma il cambiamento è iniziato e l’industria della carne tradizionale dovrà sapersi adattare alle nuove sfide e cogliere le nuove opportunità. Prepararsi per tempo sarà fondamentale. Resisteranno e prospereranno le aziende che avranno un prodotto tradizionale differenziato (es. biologico, tracciato lungo tutta la filiera, garantito in termini di condizioni di vita degli animali) o che sapranno integrare la propria offerta con prodotti “alternativi”, facendo leva sulla propria credibilità e riconoscibilità nel mondo delle carni tradizionali», ha commentato Marco Eccheli, managing director di AlixPartners.

Quali invece le sfide per l’industria della carne alternativa? «È un mondo in veloce evoluzione -. risponde Michele Carpanese di AlixPartners – Siamo agli albori di una rivoluzione delle diete occidentali. Cavalcare il nuovo trend significa investire in conoscenza e sperimentazione, ma anche e soprattutto stringere partnership multiple per esplorare più soluzioni e prodotti, massimizzare risorse e competenze, e minimizzare investimenti in tecnologie non ancora consolidate. L’industry emergente si appoggerà su un nuovo ecosistema in cui muoversi dove tutto sarà diverso: i fornitori, le tecnologie e le competenze richieste».

Cibo e ambiente. L’analisi di AlixPartners

Letizia Ceriani

Foodcommunity.it
 
è il sito del Gruppo dedicato al business del settore food & beverage nato nel 2016. Il portale ha l’obiettivo di raccontare, attraverso notizie e approfondimenti, lo scenario economico e i protagonisti del mondo enogastronomico in Italia e all’estero.
Grande attenzione è rivolta agli chef stellati e alle aperture di nuovi ristoranti, così come alle mosse delle aziende del food, dalle multinazionali ai piccoli produttori.
Il mondo del cibo raccontato con un approccio economico e il faro puntato sui personaggi più rilevanti del settore (Chef, ristorazione alta gamma, piccoli produttori di eccellenza).
 
Inoltre, ogni due settimane, Foodcommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Foodcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group S.p.A.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC Publishing Group S.p.A. – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 50.000,00 i.v.

Copyright 2022 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE