a
giovedì 23 set 2021
HomeBeverageCampari si beve Ancho Reyes e Montelobos

Campari si beve Ancho Reyes e Montelobos

Campari si beve Ancho Reyes e Montelobos

Campari Group acquista delle partecipazioni di controllo in due brand messicani super premium di spirits. Il prezzo totale dell’acquisizione per il 51% delle due società è pari a circa 32,7 milioni di euro

Campari Group annuncia l’acquisizione, da un gruppo di imprenditori messicani, delle partecipazioni azionarie di controllo nel capitale sociale di  Licorera Ancho y CiaCasa Montelobos. Le due società sono rispettivamente proprietarie dei brand super premium Ancho Reyes, un liquore dal gusto piccante, e Montelobos mezcal.

Quest’ultima categoria di spirit è attualmente esportata in oltre cinquanta mercati nel mondo, tra i quali gli Stati Uniti, rappresentano il mercato a maggiore potenziale per la crescita futura. Il valore delle vendite al dettaglio di mezcal è sostanzialmente decuplicato negli ultimi dieci anni mostrando una performance molto superiore a quella dei volumi, a testimonianza di un trend favorevole di premiumizzazione per la categoria.

Nel solo mercato statunitense, le vendite a valore del mezcal hanno registrato un CAGR (Compound Annual Growth Rate) del 30,4% nel periodo 2008-2018, che si confronta con un CAGR del 24,1% a livello globale nello stesso periodo.

Nel 2018 il mercato principale per Ancho Reyes e Montelobos è rappresentato dagli Stati Uniti, con vendite pari al 66,4% del totale. Messico, Regno Unito e altri mercati internazionali rappresentano la parte restante delle vendite. Nel 2018 le vendite nette relative ai due brand sono state complessivamente pari a circa sei milioni di euro.

Il prezzo totale dell’acquisizione per il 51% delle due società corrisponde a 32,7 milioni  di euro. L’acquisizione sarà finanziata con risorse disponibili e sarà pagata utilizzando cassa. In base all’accordo le rimanenti quote del capitale azionario delle due società sono soggette a tipiche opzioni reciproche call e put, che potranno essere esercitate a partire dal 2024.

Il perimetro della transazione include i marchi, la proprietà intellettuale e le giacenze di magazzino. Il business sfrutta una filiera produttiva completamente integrata per i due brand, con impianti di produzione e imbottigliamento in affitto, mentre l’approvvigionamento di agave, materia prima principale per la produzione del mezcal, viene rifornito grazie ad accordi con importanti coltivatori a livello locale, che ne assicurano costantemente la disponibilità. Il perfezionamento della transazione è previsto entro la fine del 2019.

Bob Kunze-Concewitz (nella foto), chief executive officer: “Acquisiamo due gemme con un forte contenuto artigianale e continuiamo a rendere il nostro portafoglio più premium con particolare focus sul mercato chiave statunitense. Inoltre, continuiamo ad arricchire la nostra esposizione sul canale strategico dell’on-premise di fascia alta”.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.