a
giovedì 03 dic 2020
HomeFoodRistorazione, Bun verso i 4 milioni di euro entro il 2021

Ristorazione, Bun verso i 4 milioni di euro entro il 2021

Ristorazione, Bun verso i 4 milioni di euro entro il 2021

La corsa di Bun non si arresta. Il format di ristorazione mette a segno una serie di aperture, a Milano e Torino, che si aggiungono al punto vendita di Arese.

Tutto questo è stato possibile anche grazie all’iniezione di 700mila euro di capitale avvenuta nei giorni scorsi. Hanno partecipato tutti i soci del brand, tra i quali si annoverano importanti esponenti del mondo food – provenienti da realtà quali McDonald’s, KFC, Cioccolatitaliani, Poke House, Dispensa Emilia – la famiglia Marzotto e lo stesso ceo di Bun Danilo Gasparrini (nella foto).

Danilo Gasparrini - ceo di Bun Burgers

Danilo Gasparrini – ceo di Bun Burgers

“Era necessario supportare velocemente l’espansione dei ristoranti, secondo un business plan che porterà a 4 milioni di euro le performance entro il 2021 grazie a opening strategici – ha commentato proprio Gasparrini -. Noi, come altri imprenditori italiani, non ci siano tirati indietro e abbiamo continuato a investire puntando su un cambiamento necessario, il segmento delivery, che non ha stravolto la nostra essenza ma l’ha arricchita”.

Nuovo capitolo che intende la ristorazione in chiave ibrida, vale a dire promuovendo, accanto alla formula tradizionale del ristorante, quella del servizio di delivery.

Entro dicembre sono previste le aperture di altri due ristoranti, uno a Milano e uno a Torino. Un  terzo punto vendita aprirà, sempre nel capoluogo lombardo, nei primi mesi del 2021. Si dovrebbe trattare di locali in senso classico, per i quali sono stati studiati dei concept speciali, come si legge in una nota.

 

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.