a
giovedì 17 giu 2021
HomeGli strumenti del ciboAsolo Prosecco a fianco della ristorazione trevigiana

Asolo Prosecco a fianco della ristorazione trevigiana

Asolo Prosecco a fianco della ristorazione trevigiana

Le bollicine asolane presentano dodici ristoranti attraverso una campagna di comunicazione sui quotidiani locali e sui profili social del Consorzio.

Una nuova occasione per rinforzare la rete territoriale e condividere la ripartenza: è la proposta del Consorzio Asolo Prosecco ai ristoranti della provincia di Treviso. Un progetto che nasce dal desiderio del Consorzio di sostenere gli imprenditori e lavoratori del settore, fortemente penalizzati da lunghi mesi di chiusure e restrizioni.

Si tratta di una campagna di comunicazione in cui dodici ristoratori trevigiani sono ritratti con un calice di Asolo Prosecco e un piatto emblematico locale.

Scatto dopo scatto, saranno presentati sulle pagine dei principali quotidiani della provincia di Treviso e nei profili social del Consorzio: Stefano De Lorenzi della Trattoria Due Mori di Asolo, Giovanni Merlo del Ristorante La Paterna a Giavera del Montello, Ermanegildo Baggio della Locanda Baggio ad Asolo, Claudio Gazzola dell’Osteria alla Chiesa a Monfumo, Marco Pincin di Casa Brusada a Crocetta del Montello, Sara Parolin di Liberal a Selva del Montello, Alessandro Breda del Gellius a Oderzo, Waldemarro Leonetti del ristorante Marcandole a Salgareda, Manuel Gobbo e Beatrice Simonetti di Le Beccherie a Treviso, Nicola Dinato di Feva a Castelfranco Veneto, Tommaso Pardo di Antica Torre a Treviso e Rocco Santon e Nicola Cavallin del Noïr a Ponzano. La campagna avrà inizio sabato 15 maggio e terminerà mercoledì 26 maggio.

La selezione dei ristoranti è stata curata dal critico gastronomico Marco Colognese. I ritratti sono stati, inoltre, realizzati dai fotografi Filippo Guerra e Roberta Cozza.

“Vogliamo dare un messaggio di vicinanza e sostegno reciproco – spiega Ugo Zamperoni, Presidente del Consorzio Asolo Prosecco – invitando inoltre alla riscoperta e alla valorizzazione delle eccellenze enogastronomiche del nostro territorio. Dopo tanti mesi nelle proprie abitazioni è importante ricominciare a frequentare le realtà locali, che operano in sicurezza e nel rispetto delle norme sanitarie. L’accoglienza fa parte dello spirito dei nostri soci, condividerla con i ristoratori è un modo per ripartire assieme. Facciamo squadra per promuovere queste esperienze di scoperta, che entrano nel nostro bagaglio di vita e a cui non dobbiamo rinunciare”.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.