Ue: vino e sigarette sono ugualmente pericolosi?

*di alessandro klun

Fa discutere in questi giorni la decisione assunta dall’Unione europea di consentire all’Irlanda l’inserimento nelle etichette di alcolici e prodotti vitivinicoli di alert sanitari sulla loro pericolosità, così equiparando, sul piano dell’etichettatura, il vino alle sigarette.

Ciò nonostante, i pareri negativi di Paesi come l’Italia, la Francia e la Spagna quali principali produttori di vino in Europa.

In materia di etichettatura vitivinicola, sia pur nell’ambito di una normativa in continua evoluzione a partire dal Regolamento (UE) 1169/2011 e arrivare al Regolamento (UE) n. 1308/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013 sulla base del quale è stato adottato in Italia il Testo Unico Vino, è bene ricordare il Regolamento 2021/2117.

Quest’ultimo provvedimento, adottato nel rispetto della Politica Agricola Comune, definita il 2 dicembre 2021 dal Consiglio Europeo per il periodo 2023-2027, equipara le bottiglie di vino a ogni altro packaging alimentare.

Ne consegue che le etichette apposte su prodotti vitivinicoli devono prevedere indicazioni sia sul riciclo dell’involucro sia su valori nutrizionali e degli ingredienti del vino, con invito ai Paesi dell’Unione ad adottare specifiche normative in materia o AD adeguare quelle vigenti.

Quali sono le conseguenze pratiche per i produttori del nostro Paese? In Itala dal 1° gennaio 2023  le etichette dovranno riportare le indicazioni su come trattare le bottiglie per il riciclo. Dall’8 dicembre 2023 sarà obbligatorio indicare in  etichetta i valori nutrizionali e l’elenco degli ingredienti.

Rimane aperto un tema ulteriore. Come introdurre due nuove indicazioni su etichette vitivinicole già così piene di informazioni? In attesa di determinazioni definitive è lecito pensare che si farà ricorso a tecnologie digitali, ad esempio, tramite estensione del QR Code. 

*a cena con diritto

Ue: vino e sigarette sono ugualmente pericolosi?

Letizia Ceriani

Foodcommunity.it
 
è il sito del Gruppo dedicato al business del settore food & beverage nato nel 2016. Il portale ha l’obiettivo di raccontare, attraverso notizie e approfondimenti, lo scenario economico e i protagonisti del mondo enogastronomico in Italia e all’estero.
Grande attenzione è rivolta agli chef stellati e alle aperture di nuovi ristoranti, così come alle mosse delle aziende del food, dalle multinazionali ai piccoli produttori.
Il mondo del cibo raccontato con un approccio economico e il faro puntato sui personaggi più rilevanti del settore (Chef, ristorazione alta gamma, piccoli produttori di eccellenza).
 
Inoltre, ogni due settimane, Foodcommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Foodcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group S.p.A.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC Publishing Group S.p.A. – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 50.000,00 i.v.

Copyright 2023 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE