a
domenica 22 set 2019
HomeGli strumenti del ciboDagli scarti dell’arancia si ricava carta di alta qualità

Dagli scarti dell’arancia si ricava carta di alta qualità

Dagli scarti dell’arancia si ricava carta di alta qualità

Dall’arancia alla carta: Essity lancia una linea di prodotti tissue che dà nuova vita ai residui di lavorazione alimentare.

Al via il progetto di economia circolare, nato dalla simbiosi industriale tra Essity e Favini, che riutilizza sottoprodotti di lavorazioni agroindustriali – residui di arance, mais o caffè – per la realizzazione di prodotti di carta di alta qualità, riducendo la quantità di cellulosa proveniente dagli alberi. L’idea è dell’azienda attiva nei settori dell’igiene e della salute con i suoi brand TENA, Nuvenia, Tempo, Tork, Demak’Up, Libero, Leukoplast, Jobst e Actimove, da anni in prima linea sul fronte della sostenibilità ambientale.

I sottoprodotti, 100% di origine italiana, vengono rilavorati meccanicamente senza utilizzo di prodotti chimici e rivalorizzati come nuova materia prima per la produzione di carte ecologiche di alta qualità, in sostituzione della cellulosa vergine. Tutto ciò avviene al 100% in siti italiani, seguendo un processo che, da un lato promuove il reimpiego delle risorse di sottoprodotto agroindustriale con basso impatto ambientale, e dall’altro consente la riduzione dell’impatto sulle foreste ottimizzando l’utilizzo della cellulosa, dando vita a un circolo virtuoso.

 

In aggiunta al progetto Crush, Essity ha da poco avviato negli Stati Uniti una nuova tecnologia, chiamata Phoenix Process™ di SFT, che converte paglia di grano in polpa adatta alla produzione di prodotti di carta, morbida e forte.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.