Responsabilità per macchie o abiti rovinati

*di alessandro klun

Immaginatevi seduti al tavolo quando il cameriere, inciampando, vi versa addosso un’intera bottiglia di vino rosso o il contenuto della pietanza ordinata. Chi risponde dell’accaduto e, per l’effetto, è tenuto al risarcimento del danno cagionato?

Il quesito può trovare soluzione nella disposizione di cui all’art. 2049 c.c. che consente all’avventore danneggiato di agire direttamente, in via alternativa, o nei confronti dell’autore del fatto che ha provocato il pregiudizio ovvero del proprietario del ristorante, quale preponente del cameriere, dove ci è recati per consumare il pranzo o la cena.

Naturalmente l’applicazione di detta norma presuppone necessariamente che tra il cameriere danneggiante e il ristoratore datore di lavoro sussista un rapporto di preposizione, ossia un rapporto in base al quale un soggetto agisce per conto di un altro soggetto seguendo sue precise disposizioni.

Non occorre, che la preposizione sia sinonimo di subordinazione posto che le locuzioni “datore di lavoro” e di “dipendente” vanno intese in senso ampio, al punto da potervi includere differenti tipologie di rapporto di lavoro (occasionale, collaborazione esterna, a chiamata, intermittente…).

Se sussiste questo requisito, unitamente agli altri elementi previsti dalla norma (fatto illecito, nesso di causalità tra le mansioni svolte dal danneggiante ed il danno arrecato al danneggiato), il danneggiato può decidere di agire contro il datore di lavoro per ottenere il risarcimento del danno. In questo caso, peraltro, il ristoratore preponente non potrà difendersi sostenendo di aver adottato tutte le cautele previste per evitare il danno (a titolo esemplificativo non potrà escludere la propria responsabilità asserendo di aver dotato il cameriere di calzature antiscivolo e di averlo ben istruito su come si servono in tavola le bottiglie di vino).

Ciò in quanto trattasi di responsabilità oggettiva del preponente, che non ammette che costui possa andare esente provando di aver fatto tutto ciò che era nelle sue possibilità per impedire il danno, prescindendo peraltro da dolo o colpa della sua condotta. Per sottrarsi a responsabilità il ristoratore preponente non potrà fare altro che tentare di dimostrare l’insussistenza dei presupposti previsti dall’art. 2049 c.c: assenza di preposizione nel rapporto con il danneggiante e/o che il danno non è stato determinato causalmente dal lavoro assegnato al preposto.

*a cena con diritto
Responsabilità per macchie o abiti rovinati

FabioAdmin

Foodcommunity.it
 
è il sito del Gruppo dedicato al business del settore food & beverage nato nel 2016. Il portale ha l’obiettivo di raccontare, attraverso notizie e approfondimenti, lo scenario economico e i protagonisti del mondo enogastronomico in Italia e all’estero.
Grande attenzione è rivolta agli chef stellati e alle aperture di nuovi ristoranti, così come alle mosse delle aziende del food, dalle multinazionali ai piccoli produttori.
Il mondo del cibo raccontato con un approccio economico e il faro puntato sui personaggi più rilevanti del settore (Chef, ristorazione alta gamma, piccoli produttori di eccellenza).
 
Inoltre, ogni due settimane, Foodcommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Foodcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC srl – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 10.000,00 i.v.

Copyright 2022 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE