a
giovedì 29 ott 2020
HomeGli strumenti del ciboCon Orapesce dalla rete alla Rete

Con Orapesce dalla rete alla Rete

Con Orapesce dalla rete alla Rete

Con Orapesce la pescheria diventa digitale e la freschezza del pesce dell’Adriatico arriva a domicilio grazie a una logica di filiera corta. Per la startup il futuro è il b2b e la conquista di mercati europei.

di francesca corradi

Con i ritmi di vita sempre più frenetici spesso si rinuncia a mangiare pesce a favore della più facile bistecca, pronta in due minuti, del merluzzo impanato “salva cena” o di un pesce conveniente ma allevato o pescato chissà dove.

 

 

Giacomo Bedetti (nella foto a sinistra) – il banker riminese di nascita e veronese d’adozione – e Alberto Mazza (nella foto a destra) nel marzo 2018 si sono, infatti, inventati un servizio che risponde alle esigenze sia di chi produce che di chi consuma andandosi a inserire in un mercato, quello ittico online, ancora poco “navigato” che rappresenta, secondo l’Osservatorio Netcomm, nemmeno l’1% del totale sui 3 miliardi di valore del comparto.

Grazie alla startup Orapesce il cliente sceglie sullo shop online il pesce che desidera mangiare, trasmette l’ordine della spesa al peschereccio e riceve a domicilio il prodotto nostrano appena pescato (non decongelato).

Dietro a quello che potrebbe essere visto come banale servizio di consegna di pesce c’è anche un concetto di etica e responsabilità sia verso i consumatori sia verso il Pianeta: si rispetta l’ambiente e il mare, le stagioni, il fermo pesca e i fondali.

Il prodotto che si mette nel piatto è quindi pesce di qualità, sano, sicuro e pescato o allevato in Italia. A questo si aggiunge la praticità di utilizzo perché il tutto viene recapitato a filetti, pronto per essere cucinato.

 

Ed è proprio la fruibilità la marcia in più della startup di Verona, il cui slogan è “quel che paghi è quel che mangi”. Le lavorazioni di eviscerazione, spellatura e sfilettatura sul pesce sono, infatti, compiute da laboratori certificati, e la consegna avviene per mezzo di box ad hoc.

 

La logica di filiera corta va quindi a premiare anche i pescatori che hanno così un più equo compenso senza per forza dover contrattare il prezzo con la gdo che, oggi, influenza e gestisce buona parte del mercato ittico nazionale. Tutto questo è possibile grazie a relazioni dirette con le cooperative di pescatori del litorale Adriatico con un modello operativo e di vendita snello che si ispira ai GAS (Gruppi di Acquisto Solidale) o ai cosiddetti “farmer’s market”.

Il servizio è al momento attivo con tre giorni di consegne la settimana, dal mercoledì al venerdì e una copertura su tutta Italia.

 

 

Il team di Orapesce, con un modello nato all’interno di una classe executive MBA del MIP Politecnico di Milano, ha sviluppato l’idea di business fino a consolidare circa 500 clienti con quasi 2mila ordini e un tasso di riacquisto con frequenza mensile del 25%.

 

Dopo un primo fundraising di 35mila euro, e un secondo, nel settembre 2019, di 82mila euro, ora la startup è presente sulla piattaforma di crowdfunding Mamacrowd fino al 30 marzo.

 

I fondi raccolti saranno utilizzati per: una campagna di comunicazione; creare un magazzino multiprodotto; estendere la propria presenza al canale horeca, in cui è già stato avviato un progetto pilota nel 2019.

 

Orapesce, che ha chiuso il 2019 con un fatturato…

 CONTINUA A LEGGERE LA NOTIZIA SUL MAG 135 (A PAG.168).

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.