Michelin Star Revelation 2022 presentata in Ungheria

Si è tenuto a Budapest il 3 novembre l’evento “Michelin Star Revelation 2022“, e per la prima volta, la principale guida gastronomica del mondo, ha valutato l’intera offerta ristorativa ungherese celebrandone tutto il meglio. La pubblicazione ha svelato che un ristorante di Budapest e uno di Tata hanno conquistato due stelle Michelin. Una stella per un ristorante di Esztergom insieme ad altri sei ristoranti della capitale.

In totale, il paese vanta 2 ristoranti a due stelle Michelin e 7 ristoranti a una stella, diventando uno dei principali centri gastronomici dell’Europa centrale, davanti a Repubblica Ceca, Polonia e Croazia. Inoltre, le strutture gastronomiche a livello nazionale hanno ricevuto 6 premi Bib Gourmand e 47 raccomandazioni Plate. La Stella Verde, che riconosce i risultati in termini di sostenibilità, mai stata assegnata a un ristorante ungherese prima, è stata riconosciuta a ben 4 ristoranti in Ungheria.

In occasione dell’evento organizzato dalla Guida Michelin, Zsófia Jakab, vicedirettore generale per il marketing e la comunicazione dell’agenzia ungherese del turismo, ha dichiarato: «Questo prestigioso riconoscimento è una testimonianza e una promessa dello sviluppo della cucina nazionale e della qualità dell’ospitalità ungherese: l’affermazione dell’offerta gastronomica ungherese. La Guida Michelin Ungheria porta un significato importante per il turismo nazionale e internazionale nel medio e lungo termine, rafforzando l’immagine del nostro Paese e aumentando la consapevolezza nello scenario globale e la popolarità delle nostre destinazioni».

Oltre alla qualifica originale, la Guida Michelin ha valutato i ristoranti dell’Ungheria anche in altre due categorie: i premi Bib Gourmand e i riconoscimenti Plate. I primi, che sono riconoscimenti assegnati dalla Guida Michelin ai ristoranti che offrono cibo di alta qualità con un buon rapporto qualità-prezzo, tipicamente eccellenti bistrot e ristoranti per famiglie, sono stati vinti da 6 ristoranti nella regione rurale. I secondi sono stati riconosciuti a 47 ristoranti in tutto il paese, 14 di questi si trovano nella Capitale. La Stella Verde Michelin, che premia i ristoranti impegnati per una gastronomia più sostenibile, è stata assegnata quest’anno a 4 ristoranti: Onyx Műhely e Salt a Budapest, Almalomb a Hosszúhetény e Graefl Major Kétútköz a Poroszló.

Gwendall Poullenec, direttore internazionale delle Guide Michelin, ha dato il benvenuto al mondo della gastronomia ungherese: «siamo lieti di presentare la prima Guida Michelin Ungheria, che mette in luce il talento che si può trovare in ogni parte del Paese. I nostri ispettori sono rimasti colpiti da questa destinazione culinaria e dai 62 ristoranti presentati in altre 34 città e villaggi ungheresi, oltre a Budapest. I nostri esperti si sono imbattuti in un paesaggio culinario autentico e ricco di tradizioni, gestito da professionisti talentuosi e creativi che sono orgogliosi della loro cultura e che reinventano costantemente ricette antiche per impressionare viaggiatori e buongustai di tutto il mondo. Tutti i 62 ristoranti e i loro team devono essere orgogliosi di essere inclusi nella selezione della Guida Michelin».

Il turismo culturale, inclusa la gastronomia, svolge un ruolo di grande importanza tra i prodotti tipici del patrimonio ungherese. Infatti, nel 2021 circa 4,5 milioni di turisti hanno visitato l’Ungheria per apprezzarne la cultura.

Si è registrato che la maggior parte dei visitatori proveniva dagli Stati Uniti, Regno Unito, Italia, Spagna e Repubblica di Corea e, soprattutto nel caso dei turisti italiani e britannici, il costo speso in ristoranti ed esperienze culinarie è stato superiore a quello investito negli alloggi.

Michelin Star Revelation 2022 presentata in Ungheria

Letizia Ceriani

Foodcommunity.it
 
è il sito del Gruppo dedicato al business del settore food & beverage nato nel 2016. Il portale ha l’obiettivo di raccontare, attraverso notizie e approfondimenti, lo scenario economico e i protagonisti del mondo enogastronomico in Italia e all’estero.
Grande attenzione è rivolta agli chef stellati e alle aperture di nuovi ristoranti, così come alle mosse delle aziende del food, dalle multinazionali ai piccoli produttori.
Il mondo del cibo raccontato con un approccio economico e il faro puntato sui personaggi più rilevanti del settore (Chef, ristorazione alta gamma, piccoli produttori di eccellenza).
 
Inoltre, ogni due settimane, Foodcommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Foodcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group S.p.A.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC Publishing Group S.p.A. – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 50.000,00 i.v.

Copyright 2022 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE