a
mercoledì 20 gen 2021
HomeGli strumenti del ciboKatoo, ecco come cambia la relazione tra fornitori e ristoranti

Katoo, ecco come cambia la relazione tra fornitori e ristoranti

Katoo, ecco come cambia la relazione tra fornitori e ristoranti

La startup Katoo ha chiuso un round da 3 milioni di euro con diversi investitori internazionali. L’obiettivo è aiutare la ristorazione a ridurre i costi e investire in nuove funzionalità dei prodotti tecnologici.

di francesca corradi

 

Il settore della ristorazione, colpito nel 2020 da una forte crisi causata dalle restrizioni per il Covid-19, dovrà presto mettere in atto nuove strategie per la ripresa. Sempre più imprenditori cercheranno soluzioni per aumentare l’efficienza e ridurre i costi. Uno dei primi accorgimenti potrebbe essere la riduzione degli intermediari nell’approvvigionamento della merce.

 

Per semplificare e accelerare la digitalizzazione dell’horeca nasce Katoo. La startup madrilena è stata fondata nel 2019 da Diogo Cunha, Karan Anand e Carlos Esquivel, provenienti da multinazionali come Boston Consulting Group, Uber e SGS. Attualmente presente in Spagna, Italia e Portogallo, opera attraverso una piattaforma che permette a chef e imprenditori di effettuare gli ordini in modo rapido, semplice e immediato via e-mail o WhatsApp. Inoltre, l’app permette agli utenti di ottenere dati storici, report mensili e pannelli con riepiloghi di spese, importi e variazioni per facilitare la gestione.

 

La startup, ad oggi, ha un team internazionale composto da oltre 25 dipendenti, di cui dieci in Italia. A poco più di un anno dal lancio, nel settembre 2019, Katoo ha già elaborato più di 100mila ordini con oltre 3mila utenti. Il 50% de business è nel nostro Paese.

 

Recentemente, Katoo ha chiuso un round di investimenti da 3 milioni di euro. Tra gli investitori figurano: Flash Ventures – fondo pre-seed di Rocket Internet, il colosso dietro Delivery Hero e Zalando – Otium Capital e Marcos Alves Cardoso, Co-Founder e ceo ElTenedor.

 

«Raccogliere capitali esterni in tempi come questi è stato piuttosto impegnativo. Nel corso del prossimo anno ci concentreremo sul consolidamento della nostra leadership oltre a continuare a investire in tecnologia per servire al meglio i nostri ristoranti e fornitori», ha dichiarato Cunha.

 

L’Italia rappresenta un mercato chiave per l’azienda. Infatti, oltre a Madrid e Barcellona, Katoo ha uffici a Milano e Torino. Questi le permettono di essere maggiormente presente sul territorio e offrire supporto quotidiano ai clienti.

 

«Katoo si è guadagnato subito la fiducia di clienti italiani come Poke House, Giacomo e Gerla e, nonostante il periodo, ha ottenuto una crescita dei volumi del 230% dal primo lockdown al mese di ottobre. Ciò dimostra non solo quanto i ristoranti siano rimasti affiliati al servizio, anche in un momento complicato come quello attuale, ma anche la voglia del settore di trasformarsi e ottimizzare processi grazie alla digitalizzazione», secondo Edoardo Tarricone, general manager Italy.

 

Durante il periodo di emergenza, Katoo si è concentrata sul supporto dei ristoranti e sulla loro sopravvivenza. L’ottimizzazione dei costi e la riduzione degli sprechi in cucina, favorite dall’ uso dell’applicazione, vanno proprio in questa direzione.

 

«Lo scopo del nostro team è cambiato. Se prima eravamo concentrati ad attrarre nuovi utenti, in questo periodo vogliamo aiutare la nostra base clienti a ridurre i costi superflui. Abbiamo clienti che sono riusciti a ridurre i loro costi di oltre il 5%», secondo Anand.

 

Nei prossimi mesi, il team di Katoo prevede di lanciare altri strumenti e servizi. Tra questi ci sarà una web app per permettere ai fornitori di gestire tutti gli ordini, mantenere aggiornato il catalogo e promuovere i propri prodotti.

 

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO SUL MAG 153 p.173
Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.