a
mercoledì 20 gen 2021
HomeFoodNasce Gourmet Giappone, la nuova vetrina dei piccoli produttori nipponici

Nasce Gourmet Giappone, la nuova vetrina dei piccoli produttori nipponici

Nasce Gourmet Giappone, la nuova vetrina dei piccoli produttori nipponici

I piccoli produttori giapponesi hanno una nuova vetrina virtuale in Italia. Ad accoglierli è la piattaforma Gourmet Giappone che ne descrive, storia, territorio e processi di produzione mettendo in vendita, sul sito, i prodotti, spesso poco noti in Europa e in Italia.

Il progetto è firmato da Maiko Takashima e Lorenzo Ferraboschi, giovane realtà imprenditoriale già ideatrice dei progetti Sake Company e Wagyu Company. A questi si aggiungono altri concept dedicati alla ristorazione come Sakeya e Carico.

Il focus è quindi la cucina “washoku”, ovvero la cucina tradizionale giapponese che è stata insignita del titolo di Patrimonio Culturale Immateriale dell’UNESCO nel 2013. Le quattro principali caratteristiche sono: stagionalità, ingredienti, equilibrio ed estetica. Oggi molti hanno ormai preso confidenza con il sushi, il sake e la carne wagyu ma gran parte del cibo tradizionale giapponese può essere mangiato ancora solo in Giappone nei ristoranti e alberghi tradizionali “ryokan”.

Le principali categorie dello store Gourmet Giappone sono: le salse fondamentali, i condimenti, il riso, il sake, gli tsukemono, il matcha e tè verde.

Nelle salse fondamentali ci sono, ad esempio, la salsa di soia, l’aceto, il miso e il sake. Nei condimenti invece largo alle salse a base di succo di agrumi come yuzu, yukon, sudaci e daidai, di dashi, olii vegetali ed erbe aromatiche. Oltre a diverse tipologie di salsa ponzu, la più utilizzata nella cucina giapponese, ci sono la salsa di sesamo e l’ajidashi (mentsuyu).

Altra novità sono gli tsukemono, verdure stagionali che vengono marinate con diversi ingredienti come sale, aceto, salsa di soia, sakekasu e miso. Possono essere mangiati da soli o con del riso bianco. Le loro principali peculiarità sono la migliore conservazione degli ingredienti e l’aumento dell’umami. Caratteristici sono i fiori di ciliegio al sale o i germogli di bambù marinati in salsa di soia al pepe sansho.

Più conosciuto è sicuramente il tè verde, che viene prodotto in Giappone dalla prima metà del XXII secolo durante l’era dei samurai, anche qui in Italia è molto diffuso. Nella regione di Uji hanno inventato una coltivazione originale chiamata “Ooishita” (coltivazione coperta) che blocca la luce del sole che colpisce i germogli, in modo da ottenere un tè dolce e ricco di gusto. Questa è una regione particolarmente adatta alla coltivazione del tè, poiché l’area è strutturata a forma di ventaglio, garantendo un buon drenaggio una perfetta escursione termica.

Gourmet Giappone ha come obiettivo anche spiegare l’utilizzo degli ingredienti  grazie a ricette pubblicate quotidianamente sul blog. Prossimamente verrà lanciata anche una box mensile con abbonamento per ricevere a casa ogni mese una selezione di prodotti diversi.
Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.