Giornata internazionale contro lo spreco alimentare: Uber Eats consiglia

Il 29 settembre è la giornata internazionale della consapevolezza sugli sprechi e le perdite alimentari. Per l’occasione, Uber Eats ha creato un vademecum, in collaborazione con Fabio Iraldo, professore ordinario di Management presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, che propone alcune semplici regole da adottare quotidianamente in qualsiasi cucina affinché ognuno possa minimizzare la propria impronta ambientale. 

«Di tutto il cibo prodotto nel mondo quasi la metà viene sprecata, circa 2 miliardi di tonnellate ogni anno. Sebbene lo spreco avvenga lungo tutta la catena alimentare, si stima che gli sperperi di noi consumatori ammontino a ben un terzo di tutte le pietanze preparate e servite sulle nostre tavole – ha dichiarato il professor Iraldo – Alla luce di queste considerazioni, si può constatare quindi che le persone dovrebbero essere educate e sensibilizzate sulla necessità di adottare una “dieta sostenibile” e incentivate a ridurre al massimo gli sprechi». 

Le nostre abitudini alimentari incidono profondamente sulla qualità dell’ecosistema in cui viviamo, tanto che la produzione e il consumo di cibo è responsabile di oltre il 35% degli impatti ambientali complessivi.  

Per ridurre lo spreco alimentare e tutelare l’ambiente si possono tenere a mente 5 consigli pratici:  

  1. Una volta avviata la cottura di un piatto, è possibile spegnere i fornelli ed utilizzare il calore accumulato per una cottura passiva, sfruttando la dissipazione graduale che consente di continuare a cuocere senza sprecare energia.  
  2. Di molte verdure soltanto il “frutto” è edibile, di altre, invece, è edibile l’intera pianta. L’impronta ambientale della prima tipologia è molto superiore rispetto alla seconda, in quanto vengono scartate – e quindi sprecate – molte parti della pianta. Preferire le verdure interamente edibili aiuta a evitare questi sprechi. 
  3. Esistono degli elementi che, pur essendo considerati “cibi”, sono strumentali alla cucina di altri piatti. Un tipico esempio sono i “condimenti” (come sale, zucchero e olio): questi andrebbero utilizzati sempre con grande parsimonia in virtù dell’impatto non irrilevante delle loro filiere.  
  4. Per alcuni alimenti, come ad esempio la pasta, il consumo idrico della fase di cottura rappresenta un impatto sull’ambiente decisamente impattante. Quando l’acqua di cottura esaurisce la propria funzione, invece di gettarla, si potrebbe riutilizzare per la preparazione di altri piatti. Anche l’acqua utilizzata per lessare le verdure, peraltro ricca di sostanze nutritive e minerali, può essere impiegata come ingrediente per altre preparazioni. 
  5. Quando si sceglie un prodotto, si sceglie sempre anche il packaging in cui esso è commercializzato. Optare per prodotti alimentari che hanno un packaging più “leggero”, oppure in materiali innovativi (es. biodegradabile) oppure ancora composto di materiali riciclati, può contribuire a evitare lo spreco di materia.
Giornata internazionale contro lo spreco alimentare: Uber Eats consiglia

Letizia Ceriani

Foodcommunity.it
 
è il sito del Gruppo dedicato al business del settore food & beverage nato nel 2016. Il portale ha l’obiettivo di raccontare, attraverso notizie e approfondimenti, lo scenario economico e i protagonisti del mondo enogastronomico in Italia e all’estero.
Grande attenzione è rivolta agli chef stellati e alle aperture di nuovi ristoranti, così come alle mosse delle aziende del food, dalle multinazionali ai piccoli produttori.
Il mondo del cibo raccontato con un approccio economico e il faro puntato sui personaggi più rilevanti del settore (Chef, ristorazione alta gamma, piccoli produttori di eccellenza).
 
Inoltre, ogni due settimane, Foodcommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Foodcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group S.p.A.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC Publishing Group S.p.A. – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 50.000,00 i.v.

Copyright 2022 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE