a
venerdì 03 apr 2020
HomeLe tavole della leggeI fratelli Escalante e Flora Ristorante

I fratelli Escalante e Flora Ristorante

I fratelli Escalante e Flora Ristorante

Fuori dal centro di Busto Arsizio, da poco più di due anni, c’è Flora Ristorante, un locale essenziale e senza troppi fronzoli. Il nome ne sottolinea la filosofia: grande utilizzo di verdure fresche e di stagione, non più mero contorno ma protagoniste nel piatto.

Flora Ristorante è molto luminoso e a dominare è proprio il bianco, con qualche tocco verde qua e là. La scenografica carta da parati floreale, molto instagrammabile e su un’unica parete, è un vero colpo di fulmine.

La regia del locale è dei fratelli Escalante, due giovani con importanti esperienze gastronomiche alle spalle che fanno tutto da soli: il cuoco Riccardo (nella foto) ha girato le cucine internazionali mentre il fratello Gabriele (nella foto, maître e sommelier, ha lavorato nelle sale di ristoranti stellati, da Villa Crespi al MandarinOriental Milan.

 

 

Il ristorante non è propriamente vegetariano anche se la prospettiva potrebbe essere quella. Mentre a pranzo si può mangiare alla carta, a un prezzo contenuto, a cena c’è un solo menù degustazione, a 40 euro, che cambia settimanalmente in base agli ingredienti che lo chef riesce a reperire dai fornitori del territorio.

Il pasto è iniziato con una vellutata di zucca, che ha scaldato anima e stomaco, accompagnata da un pane fragrante e appena sfornato. Molto profumato è il risotto alle erbe, che è stato preceduto da topinambur in due consistenze. A seguire è stata servito un morbido e saporito taglio di manzo che ricorda la carne del macellaio di fiducia. Dulcis in fundo gelato al malto d’orzo e delle soffici e calde madeleine. Un percorso azzeccato che non mi ha appesantito.

Il mio consiglio è curare di più la presentazione dei formaggi, saporiti e nostrani, della fattoria “Cogo”: basterebbe cambiare dimensione e colore del piatto per valorizzarli.

I vini bio in carta fanno la differenza. Tre calici in abbinamento a 15 euro è un prezzo più unico che raro. Consiglio il bianco Els Vinyerons Lluerna Xarel-lo (2018) e il Sangiovese umbro Tabù.

Forse penalizzato dalla posizione, in una zona di passaggio ma non di fermata, il Flora Ristorante non è ancora stato notato a dovere ma è solo questione di tempo.

 

Prezzo: menù degustazione da 4 portate a 40 euro.

Via Gioacchino Rossini 29. 21052 – Busto Arsizio https://www.floraristorante.it/

di francesca corradi

CONTINUA A LEGGERE LA NOTIZIA SUL MAG 133 (A PAG.126).

 

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.