a
venerdì 03 lug 2020
HomeFoodFiliera cioccolato, Intesa Sanpaolo scommette su Venchi

Filiera cioccolato, Intesa Sanpaolo scommette su Venchi

Filiera cioccolato, Intesa Sanpaolo scommette su Venchi

Benefici immediati per circa 6mila rivenditori su tutto il territorio nazionale. L’appartenenza alla filiera Venchi consentirà di ottimizzare il processo di erogazione del credito e l’accesso delle aziende a soluzioni finanziarie e creditizie.
Intesa Sanpaolo e Venchi hanno sottoscritto, nell’ambito del Programma Filiere, un accordo di collaborazione innovativa per l’accesso al credito delle aziende facenti parte del processo distributivo dello storico marchio di cioccolato.
Il progetto nasce dalla comune volontà di sostenere le piccole e medie imprese del territorio legate alla filiera in un momento di difficoltà. Ne potranno beneficiare circa 6mila rivenditori distribuiti su tutto il territorio nazionale.
L’obiettivo è sostenere le piccole e medie imprese della filiera che potranno beneficiare del valore della capo filiera per un migliore accesso al credito. Sono previsti inoltre finanziamenti in tempi rapidi, velocità nel ricorso alla liquidità necessaria e condizioni migliorative.
Inoltre, è previsto uno scambio reciproco di informazioni industriali e settoriali. Questo consentirà a Intesa Sanpaolo di valorizzare, all’interno del processo di valutazione del credito al dealer, gli aspetti qualitativi derivanti dall’appartenenza a una solida catena produttiva con specifici fabbisogni finanziari.
L’accordo è stato siglato da Daniele Ferrero (nella foto), ceo di Venchi e da Stefano Barrese, responsabile della Divisione Banca dei Territori di Intesa Sanpaolo.

Daniele Ferrero ha dichiarato:“Venchi è un’impresa che si situa al centro del sistema economico nazionale e si sente profondamente legata ad esso. Offrire ai nostri rivenditori strumenti isignifica supportarli nella ripartenza e consentirci di mantenere un presidio capillare su tutto il territorio nazionale”.

“Supportare la ripartenza di una realtà come Venchi significa per noi contribuire al rilancio di un’eccellenza alimentare del made in Italy. Le pmi che riescono a strutturare forti legami con la filiera ne ricavano stimoli di crescita importanti. Al contrario, un basso coinvolgimento tra imprese porta a risultati limitati e limitanti, con bassi contributi in termini di innovazione. Questo è l’idea alla base del Programma Sviluppo Filiere e delle iniziative di Intesa Sanpaolo per valorizzare la rilevanza di questi rapporti nell’ambito di realtà d’eccellenza”, ha commento Barrese.

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.