É legittimo vietare l’ingresso al ristorante causa dress code?

*di alessandro klun

Dopo il caso mediatico di una nota attrice e conduttrice televisiva italiana che, per il suo abbigliamento, sarebbe stata respinta all’ingresso di un ristorante si registra quello di due tik toker cui, per la scollatura del proprio abito ritenuta eccessiva dal titolare del locale, sarebbe toccata analoga sorte in un ristorante di Parigi.

Ma è legittimo per il titolare di un bar, ristorante – o in genere attività di somministrazione alimentare -, vietare l’ingresso e il servizio a un cliente esclusivamente sulla base di ciò che quest’ultimo indossa o stabilire un determinato dress code cui condizionare l’accesso al proprio locale?

La risposta parte necessariamente da un dato normativo.

Il Regolamento di esecuzione del TULPS (testo unico delle leggi di pubblica sicurezza) prevede espressamente che “… Salvo quanto dispongono gli artt. 689 – somministrazione di bevande alcooliche a minori o a infermi di mente – e 691 del codice penale – somministrazione di bevande alcooliche a una persona in stato di manifesta ubriachezza -, gli esercenti non possono senza un legittimo motivo, rifiutare le prestazioni del proprio esercizio a chiunque le domandi e ne corrisponda il prezzo”. Se il rifiuto di servire un cliente non è legittimo, può essere una contravvenzione il cui importo va da 516 a 3.098 euro.

Per effetto di detta norma in mancanza di un motivo legittimo non è possibile rifiutare il servizio richiesto dal cliente; tuttavia, posto che tale motivo non è ad oggi in alcun modo definito, rimane tuttavia la necessità di verificare se il vestiario  inadeguato può rientrare o meno in tale concetto.

In linea generale, fermi restando i limiti del decoro e del buoncostume, l’outfit dell’avventore non può costituire legittimo motivo in forza del quale è consentito inibirgli l’ingresso, risultando altrimenti tale rifiuto esclusivamente discriminatorio.

Resta tuttavia facoltà del titolare del locale, in base a generali principi di libertà organizzativa e di iniziativa economica garantita dall’art. 41 della Costituzione, stabilire limitazioni all’ingresso a clienti il cui abbigliamento non è ritenuto adeguato in relazione alla tipologia e all’immagine che lo stesso titolare vuole dare al proprio locale, a maggior ragione nelle ipotesi in cui la necessità di un determinato dress code quale condizione per accedere (es. serata con abito lungo per le signore) venga indicata all’entrata del locale o comunicata preventivamente con adeguati strumenti informativi.

Al di fuori di tali ipotesi, esclusioni o restrizioni all’ingresso che nulla hanno a che fare con la libertà d’organizzazione interna all’attività non possono valutarsi come “legittimo motivo” per rifiutare l’accesso e il servizio.

*a cena con diritto

É legittimo vietare l’ingresso al ristorante causa dress code?

Letizia Ceriani

Foodcommunity.it
 
è il sito del Gruppo dedicato al business del settore food & beverage nato nel 2016. Il portale ha l’obiettivo di raccontare, attraverso notizie e approfondimenti, lo scenario economico e i protagonisti del mondo enogastronomico in Italia e all’estero.
Grande attenzione è rivolta agli chef stellati e alle aperture di nuovi ristoranti, così come alle mosse delle aziende del food, dalle multinazionali ai piccoli produttori.
Il mondo del cibo raccontato con un approccio economico e il faro puntato sui personaggi più rilevanti del settore (Chef, ristorazione alta gamma, piccoli produttori di eccellenza).
 
Inoltre, ogni due settimane, Foodcommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Foodcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group S.p.A.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC Publishing Group S.p.A. – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 50.000,00 i.v.

Copyright 2023 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE