a
domenica 18 apr 2021
HomeFoodDonne in Campo-Cia, aziende agricole femminili in crisi

Donne in Campo-Cia, aziende agricole femminili in crisi

Donne in Campo-Cia, aziende agricole femminili in crisi

Trainano la transizione verde. A loro sostegno, servizi migliori in aree rurali, presidi sanitari e consultori.

Soffrono la crisi causata dalla pandemia e, in un anno, sono passate da quota 210.402 a 207.991. Sono le aziende a conduzione femminile registrate per il 2020 da Unioncamere, con un calo di 2.411 imprese, l’1,15%.

A evidenziare il quadro della situazione è Donne in Campo, l’Associazione al femminile di Cia-Agricoltori Italiani che sottolinea quanto queste aziende siano, in realtà, le più impegnate nella sicurezza alimentare e nel biologico, nella custodia e nella valorizzazione della biodiversità.

Sono sostenitrici della tutela del paesaggio e del territorio. In sostanza – precisa Donne in Campo-Cia – rappresentano la parte candidata a essere capofila nella costruzione e attuazione della transizione ecologica e sostenibile.

“È necessario sostenere queste imprese, impegnate a ricucire gli strappi tra la sostenibilità economica e quella ambientale e sociale”, afferma la presidente di Donne in Campo-Cia, Pina Terenzi.

Serve, quindi, rendere stabile il Bonus Donne in Campo e in generale rafforzare gli strumenti di credito. Serve anche favorire l’accesso alla terra da parte delle donne che, a tutte le età […] desiderano impegnarsi in agricoltura”.

“Ci aspettiamo molto dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – aggiunge Terenzi-. Come Donne in Campo, chiediamo che parte delle risorse del recovery vengano utilizzate per finanziare, sostenere e diffondere le esperienze di cui alcune già avviate, come la costruzione di filiere sostenibili, la produzione di fibre vegetali per tessuti e piante tintoree per le colorazioni naturali, ma anche finanziando progetti di ricerca per lo studio di nuove fibre vegetali per bioplastiche ed altri materiali. E ancora, occorre avviare un reale incremento della produzione di erbe officinali per erboristeria e industria farmaceutica e lavorare per costruire vera aggregazioni di prodotto”.

Secondo l’associazione è , inoltre, necessaria la formazione per il settore vivaistico sul recupero della biodiversità, come anche progetti di rigenerazione del suolo. In particolare, la formazione sul valore del patrimonio culturale e paesaggistico, è una leva economica cruciale, insieme al rilancio delle reti di imprese e cooperazione.

“Il Recovery Plan – conclude Terenzi- dovrà impegnare risorse anche per migliorare i servizi nelle aree rurali, garantendo i presidi sanitari, ma anche rilanciando la rete dei consultori familiari che hanno svolto un ruolo strategico nei territori a sostegno delle donne e della famiglia, garantendo e sostenendo anche il diritto delle stesse alla maternità”, conclude Terenzi.

 

Vota questo articolo
Nessun commento

Aggiungi un commento

Accesso

Hai dimenticato la Password?

Registrati

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.